Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 812
RAGUSA - 23/05/2016
Attualità - La vicenda oggetto di interrogazione

Allarme livelli bassi diga S. Rosalia

Altri argomenti sono stati toccati da Mirella Castro e Giovanni Iacono Foto Corrierediragusa.it

Un allarme sui bassi livelli d´acqua della diga di Santa Rosalia è lanciato dal gruppo consiliare di Partecipiamo, composto da Mirella Castro e da Giovanni Iacono (foto). Lo spunto nasce dal regolamento edilizio per la razionalizzazione delle risorse idriche,riutilizzo e riduzione dei consumi. I due consiglieri di Partecipiamo prendono atto dalle condizioni di condotte e riserve idriche e dalle allarmanti mutazioni climatiche e variazioni dell’ecosistema che hanno portato già nel breve periodo la diga di S.Rosalia a livelli bassissimi che potrebbero creare possibili situazioni di emergenza idrica per cui si rende necessario invertire la rotta e diffondere in maniera massiva una diversa cultura sull’uso dell’acqua. La vicenda è stata oggetto di una interrogazione. In un’altra interrogazione presentata contestualmente, la rappresentanza consiliare di Partecipiamo torna sul Parco degli Iblei e sull’ampliamento del suo perimetro approvato dal consiglio comunale di Ragusa lo scorso anno. L’interrogazione chiede di dare riscontro dettagliato su quali iniziative sono state poste in essere a seguito di tale deliberazione, anche nell’ottica della istituzione del Parco Nazionale. Chiesto inoltre di voler appostare un apposito capitolo di bilancio in maniera permanente come evento annuale, per l’istituzionalizzazione dell’importante manifestazione ciclistica ‘Trofeo Maratona Parco Nazionale degli Iblei’ che, non a caso,quest’anno ha registrato la seconda edizione riscuotendo grande successo di partecipazione e di pubblico.

Altre due interrogazioni riguardano il trasferimento di personale con la qualifica di insegnante per le attività integrative a mansioni amministrative e la questione della ripartizione dei fondi derivanti dalla tassa di soggiorno. Su quest’ultimo argomento Giovanni Iacono e Mirella Castro chiedono all’amministrazione di fare chiarezza su modalità di impiego di tali somme alla luce di recenti polemiche consiliari sulla vicenda.