Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 453
RAGUSA - 19/05/2016
Attualità - Una riserva di energia pulita

Enel sperimenta energia verde

Per affrontare la sfida dello sviluppo della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, dello sviluppo tecnologico e delle smart grids Foto Corrierediragusa.it

Il territorio ibleo diventa più «green» grazie ad un sistema innovativo per immagazzinare l’energia prodotta da fonti rinnovabili e renderla disponibile quando la rete elettrica la necessita: è l’Electrical Energy Storage, il dispositivo realizzato dalla multinazionale Abb, che Enel Distribuzione ha installato all’interno dell’esistente Cabina Primaria Dirillo, in territorio di Acate. Lo «Storage» può essere brevemente descritto come una enorme batteria al litio ricaricabile, molto simile a quelle dei telefoni cellulari. È, infatti, costituito da una serie di container che ospitano le diverse componenti dell’impianto e che permettono di accumulare l’energia per una capacità pari a 1 MWh (Megawattora). Alla presentazione del nuovo sistema di accumulo, costato oltre 2 milioni di euro, erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Acate Franco Raffo, Giorgio Cappello, vice presidente Confindustria Sicilia, e Giusi Migliorisi, direttore di Confindustria Ragusa, mentre per Enel Distribuzione erano presenti Roberto Ruggiano, responsabile Dtr Sicilia, e Luca Alfonsi, responsabile zona Siracusa-Ragusa.

Lo «Storage» permetterà di sperimentare soluzioni innovative per rendere più efficiente l’immissione in rete dell’energia prodotta da fonti rinnovabili (eolico e fotovoltaico), favorendone il consumo locale. Infatti, qualora la produzione di energia che affluisce alla rete di distribuzione superasse il fabbisogno locale, invece che immettere questa energia «in eccesso» nella rete nazionale, per trasferirla anche a centinaia di km di distanza, la si potrà immagazzinare sul posto per restituirla quando la rete locale ne avrà bisogno. La presenza di tale infrastruttura, oltre a migliorare l’integrazione dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, aumenterà la stabilità della rete di distribuzione e consentirà, quindi, di migliorare la qualità del servizio elettrico ai cittadini e alle imprese del territorio.

Nella foto l´inaugurazione dell´innovativo impianto "green"