Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1863
RAGUSA - 18/05/2016
Attualità - I sindaci Piccitto e Verga uniti per... unirsi!

Licodia Eubea: diffida alla Regione

Tutti i partecipanti all’incontro hanno espresso assoluta concordanza nel promuovere tutte le azioni ed atti necessari allo scopo Foto Corrierediragusa.it

Licodia Eubea vuole aderire al Libero Consorzio di Ragusa. I sindaci dei due comuni, Federico Piccitto e Giovanni Verga, insieme ai presidenti dei due consigli comunali, Antonio Tringali e Alessandro Astorini hanno sottoscritto una diffida al presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, perché venga adottato il disegno di legge che stabilisce il passaggio di Licodia Eubea al Libero Consorzio comunale di Ragusa. Una diffida è rivolta anche al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone affinché calendarizzi l’esame del disegno di legge riguardante i passaggi dei comuni da un consorzio all’altro, con esplicito indirizzo a discutere e votare tutti gli articoli di legge, non sussistendo per Licodia Eubea i motivi ostativi riguardanti Gela, Piazza Armerina e Niscemi dalla Prima Commissione Affari Istituzionali dell’Ars. L’incontro istituzionale tenutosi a palazzo dell’’Aquila è servito anche a rivolgere un invito ai capigruppo dell’Ars ed alla deputazione regionale perché esprimano indirizzo di voto favorevole in merito all’adozione del disegno di legge per il passaggio definitivo di Licodia Eubea al Libero Consorzio comunale di Ragusa. Tutti i partecipanti all’incontro hanno espresso assoluta concordanza nel promuovere tutte le azioni ed atti necessari a tutelare l’autodeterminazione del territorio del Libero Consorzio di Ragusa disciplinata dalle leggi regionali emanate in materia di istituzione di Liberi Consorzi comunali, disattese dalla Prima Commissione Affari Istituzionali dell’Ars.