Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 791
RAGUSA - 12/04/2016
Attualità - Imprese al collasso negli Iblei si rivolgono alla magistratura

Contributi Inps sospesi, non per tutti

Il direttore Guglielmino promette battaglia a livello nazionale Foto Corrierediragusa.it

"La problematica della sospensione dei contributi Inps a seguito del Sisma del 13 dicembre 1990 (26 anni fa) continua a mietere vittime solo a Ragusa mentre, per loro buona fortuna, salva le Imprese di Catania e Siracusa". La pesante denuncia proviene dal direttore dell´Ance (associazione nazionale costruttori edili) di Ragusa Giuseppe Guglielmino. "L´Inps di Ragusa - si legge nel documento - sta mettendo in serie difficoltà centinaia di imprese le quali non possono far altro che rivolgersi alla magistratura e fare valere le loro ragioni. La questione, più volte affrontata nei tribunali, è quella relativa al terremoto della notte di Santa Lucia del 1990 a seguito del quale furono sospesi i pagamenti di imposte, tributi e contributi dovuti dalle imprese delle tre province (Catania, Ragusa e Siracusa). Con la finanziaria del 2002 e, poi, con quella della 2006 il Parlamento decise la definitiva chiusura delle varie pendenze concedendo alle imprese il versamento di quanto dovuto abbattuto al 10%. L’Inps di Ragusa, però - precisa Guglielmino - ritiene non valida la sanatoria del 2002 e, quindi, ha proceduto a richiedere il dovuto alle imprese che, in buona fede e rispettando la legge, ritenevano definitivamente chiusa la loro posizione debitoria.

Adesso, e dopo 26 anni dal terremoto e 14 dalla legge del 2002, l’Inps decide di andare alla cassa bloccando il rilascio del Durc. La cosa irritante, in aggiunta, è che le sedi di Catania e Siracusa non si sono comportate, e non si comportano, in questo maniera stabilendo, nei fatti, una sorta di distorsione del mercato e della concorrenza fra le Imprese ragusane e quelle catanesi e siracusane.

Nel frattempo alcune Imprese ragusane si sono rivolte al giudice e hanno ottenuto lo sblocco del Durc ma, nonostante ciò, l’Inps di Ragusa «insegue» tutte le altre che non investono della problematica la magistratura. Insieme al Vicepresidente dell’Inps Monia Battaglia - aggiunge Guglielmino - abbiamo chiesto al direttore della sede di Ragusa Saverio Giunta di sbloccare i Durc, viste le sentenze in tal senso, ricevendo semplicemente un freddo e laconico «niet». Ci rivolgeremo alla sede regionale dell’Inps e al presidente nazionale, Tito Boeri - conclude il direttore Ance - affinchè possa prevalere il buon senso e si evitino inutili contenziosi».