Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 679
RAGUSA - 06/04/2016
Attualità - Sabato alle 9.30 nella sala assemblee della Cofarm alla zona industriale

Costruire una città possibile: convegno

Presenti tra gli altri Fabio Maria Ciuffini, già progettista del piano di mobilità della città Foto Corrierediragusa.it

Costruire una città possibile cominciando dalla viabilità. Il progetto da anni messo a punto per una metropolitana di superficie, grazie all’utilizzo della linea ferrata che attraversa tutta la città da Ibla a Donnafugata, è utopistico o può essere messo in cantiere. Su questo e sul tema più ampio della mobilità alternativa Il parco commerciale «Isole Iblee» ha promosso un convegno che si tiene sabato alle 9.30 nella sala assemblee della Cofarm alla zona industriale. "Prossima partenza: Ragusa" è il tema del convegno che vedrà tra gli altri Fabio Maria Ciuffini, già progettista del piano di mobilità della città, ormai riposto nel dimenticatoio. Gli interventi programmati sono quelli del sindaco, Federico Piccitto, del soprintendente ai Beni culturali Calogero Rizzuto, del funzionario della stessa Soprintendenza di Ragusa, Giorgio Battaglia, del segretario della Cub Ragusa, Pippo Gurrieri, del presidente dell’associazione «Insieme in città», Giorgio Flaccavento, e del presidente del centro commerciale naturale Antica Ibla Santi Tiralosi. «Da tempo – dice il presidente di Isole Iblee, Gianni Corallo– si parla di dotare la nostra città di una metropolitana di superficie. Tra l’altro, delle sette stazioni una è prevista nella nostra zona industriale e più precisamente nella seconda fase. Ecco perché insieme con altre realtà produttive e culturali abbiamo pensato di organizzare un convegno su un argomento che, tra l’altro, proprio di recente è ritornato di nuovo al centro del dibattito politico. Vogliamo capire quali sono le reali possibilità di dare attuazione a quello che sembra un vero e proprio sogno nel cassetto per la nostra città».