Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1035
RAGUSA - 03/04/2016
Attualità - Sono don Francesco Sallemi, don Giuseppe Iacono e don Giovanni Filesi

Festa in diocesi per ordinazione di 3 giovani sacerdoti

Cattedrale di S. Giovanni gremita. Il vescovo Mons. Cuttitta: "E’ un dono che arricchisce" Foto Corrierediragusa.it

Una cattedrale gremita ha salutato l’ordinazione di tre nuovi sacerdoti. Il vescovo, Mons. Carmelo Cuttitta ha ordinato infatti don Francesco Mallemi della parrocchia di S. Giorgio, don Giuseppe Iacono (Annunziata), e don Giovanni Filesi (S. Paolo) sono i presbiteri che sono cresciuti e si sono formati nella diocesi iblea.

Mons. Cuttitta nella sua omelia ha manifestato tutta la gioia della comunità ecclesiastica e dei fedeli: «La diocesi di Ragusa esulta nel Signore risorto per questo dono di tre nuovi presbiteri che arricchiscono e rappresentano nuova linfa. Sono giovani formatisi nel nostro seminario, che hanno percorso il loro itinerario nella formazione teologica, nella formazione spirituale, e sono stati ordinati diaconi da mons. Paolo Urso. Questi giovani ci interrogano perché in realtà, mentre noi attorno nel nostro mondo vediamo giovani che sciupano la loro vita, che fanno delle scelte assolutamente sbagliate, che rovinano la loro esistenza, abbiamo anche altri ragazzi che compiono una scelta diversa che è quella di mettere a disposizione degli altri la propria vita, il proprio ministero, il proprio servizio. I presbiteri hanno come compito proprio quello dell’annuncio della Parola ma anche quello di aiutare, di formare a crescere le comunità cristiane, hanno il compito di guidare, in comunione con il vescovo, le varie comunità parrocchiali».

Poi l’imposizione delle mani sul capo dei tre nuovi sacerdoti da pare di tutti i presbiteri presenti come atto ufficiale e sacrale dell’ordinazione. Don Salvatore Mallemi, sacerdote già da alcuni anni nella parrocchia di S. Francesco di Paola a Vittoria, ha imposto le mani sul capo di Francesco, suo fratello più piccolo.