Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1499
RAGUSA - 31/03/2016
Attualità - Gli impianti non potranno essere attivati entro l’estate

Lavori in corso per nuova rete idrica di Marina e contrade

In contrada Camemi già realizzata una vasca di accumulo di 270 metri cubi Foto Corrierediragusa.it

In Contrada Camemi sono in corso i lavori di realizzazione dell´acquedotto che consentirà l´approvvigionamento idrico di acqua potabile nelle zone costiere e nelle contrade a monte. Per questa stagione estiva , tuttavia, i residenti e i villeggianti dovranno ancora «soffrire» perché gli impianti non potranno ancora essere attivati. In contrada Camemi è stata già realizzata una vasca di accumulo di 270 metri cubi presso cui verrà convogliata l´acqua del pozzo di adduzione del Consorzio di bonifica che ha una capacità di circa 50 litri al secondo. Alla prima vasca se ne aggiungeranno altre due, della stessa capacità di quella di accumulo, che verranno utilizzate per la potabilizzazione del prezioso liquido prima della immissione nella conduttura idrica che si svilupperà per 5 chilometri fino a raggiungere Contrada Gaddimeli nei pressi di Marina. Dice l’assessore ai Lavori Publbici, Salvatore Corallo: « L´importante opera pubblica sarà completata entro sei mesi e ci consentirà di risolvere il problema dell´approvvigionamento idrico della fascia costiera ragusana facendo così fronte al fabbisogno delle famiglie che soprattutto nel periodo estivo si riversano lungo la fascia costiera. Il progetto che si sta eseguendo prevede inoltre la realizzazione, in prossimità dei villaggi che si sono nel corso degli anni creati nel tratto Camemi - Marina di Ragusa delle derivazioni per consentire successivamente gli allacci alla rete idrica di questi agglomerati».