Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 741
RAGUSA - 23/03/2016
Attualità - Anche il territorio ibleo in lutto

Stragi Bruxelles: misure di sicurezza a Catania e Ragusa

Disposizione in tale direzione è stata impartita dal Sindaco Federico Piccitto Foto Corrierediragusa.it

Per gli attentati terroristici che hanno interessato nella giornata del 22 marzo scorso la Capitale del Belgio, il Prefetto Maria Carmela Librizzi, d’intesa con i Responsabili provinciali delle Forze di Polizia territoriali, ha disposto nell’immediato l’intensificazione dei servizi finalizzati al potenziamento delle attività di prevenzione a carattere generale e di controllo coordinato del territorio della provincia di Ragusa, con una particolare attenzione riservata allo scalo aeroportuale di Comiso, al porto di Pozzallo ed alle infrastrutture ferroviarie. Ulteriori approfondimenti saranno altresì svolti in sede di riunione tecnica di coordinamento interforze con i vertici locali delle Forze di Polizia, atteso il particolare contesto internazionale che postula l’opportunità di una sempre più scrupolosa attenzione per garantire il rispetto della legalità ed il libero svolgimento delle ordinarie attività cittadine.

LE MISURE DI SICUREZZA ALL´AEROPORTO DI CATANIA
Sac informa che, in seguito agli attentati di Bruxelles, è stato deciso dall’Autorità di Pubblica Sicurezza un incremento delle misure di prevenzione e controllo nell’Aeroporto di Catania per motivi di ordine pubblico e a tutela dell’incolumità dei passeggeri e dei lavoratori aeroportuali. Le disposizioni sono in vigore da oggi e fino al prossimo mercoledì 30 marzo.

Accesso al Terminal
L’accesso al terminal sarà consentito soltanto ai viaggiatori muniti di biglietto aereo cartaceo o di carta di imbarco anche digitale (su smartphone o tablet, per coloro che hanno effettuato il check-in on line).

Rampa Partenze
Non sarà possibile accedere con mezzi privati alla rampa delle Partenze per accompagnare i passeggeri. L’accesso sarà consentito soltanto alle vetture con a bordo passeggeri a ridotta mobilità (PRM, che abbiano compilato specifica richiesta http://bit.ly/1YQ4Dbt), ai taxi, agli Ncc (noleggio con conducente), agli autobus urbani e a quelli interprovinciali.

Navette private
La rampa Partenze è chiusa anche per le navette dei parcheggi privati, degli hotel e dei tour operator che potranno caricare e scaricare i propri passeggeri negli stalli dedicati agli Ncc e limitrofi all’area manutenzione Sac (piano Arrivi, dopo parcheggio P1)

Parcheggio gratis per 30’
Per venire incontro agli utenti, Sac ha esteso fino a 30 minuti la franchigia gratuita in tutti e quattro i parcheggi del sedime aeroportuale (P1, P2, P3 e P4).

BANDIERE A MEZZ´ASTA AL COMUNE DI RAGUSA
Le bandiere della Repubblica Italiana e dell´Unione Europea a mezz´asta al Comune di Ragusa in segno di lutto per le vittime dell´attentato terroristico di Bruxelles. Disposizione in tale direzione è stata impartita dal Sindaco Federico Piccitto a seguito della comunicazione del Prefetto di Ragusa Maria Carmela Librizzi, che ha reso nota la decisione della Presidenza del Consiglio dei Ministri di far sì che in tutti gli edifici pubblici venissero poste a mezz´asta le bandiere in segno di sentita e generale partecipazione al dolore che ha colpito il popolo belga per la tragedia causata dai gravi attentati all´aeroporto ed alla metro di Bruxelles.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL COORDINAMENTO NAZIONALE DOCENTI
Il coordinamento nazionale docenti della disciplina dei Diritti umani esprime solidarietà e condoglianze nei confronti del popolo belga. L’umanità si è oggi, ancora una volta, colorata di rosso ed ha subito l’ennesimo sfregio. La speranza nel futuro non deve cedere il passo alla violenza, alla paura e allo scoraggiamento. E’ il momento di difendere la civiltà, la tolleranza e l’integrazione, elementi fondamentali della nostra formazione culturale, con tenacia e perseveranza, superando il muro dell’odio e del sospetto. Sta a ognuno di noi applicarsi nella quotidianità, attraverso la comprensione, la solidarietà e la compassione, affinché i Diritti Umani possano affermarsi e il mondo progredire. La pace è la meta da inseguire; è il fiore di pesco che, dopo il gelido inverno, torna a fiorire e a ispirare i popoli. Da ogni finestra s’innalzi una bandiera di pace contro ogni forma di persecuzione e in difesa della tutela dei principi universali dell’uomo. Siamo nati tutti liberi ed uguali, abbiamo tutti il diritto alla vita: oggi più che mai siamo chiamati a vigilare sui nostri valori civici.
«La tenebra non può scacciare la tenebra: solo la luce può farlo. L’odio non può scacciare l’odio: solo l’amore può farlo. L’odio moltiplica l’odio, la violenza moltiplica la violenza, la durezza moltiplica la durezza, in una spirale discendente di distruzione.»(Martin Luther King)

Prof. Romano Pesavento
presidente del Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani