Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1359
RAGUSA - 21/03/2016
Attualità - Molto soddisfatto l’assessore Zanotto: "Siamo avanti"

Gestione rifiuti: bando per 89 milioni a Ragusa

La scadenza delle offerte o domande di partecipazione per il bando è fissata entro il 9 maggio prossimo Foto Corrierediragusa.it

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea il bando di gara relativo al nuovo servizio di igiene urbana dell´Aro Ragusa coincidente con il territorio del comune di Ragusa. Il servizio, per una durata di sette anni, prevede un importo complessivo di 89 milioni 978 mila 204 euro, di cui 81 milioni 431 mila a base d’asta, suddiviso in 74 milioni per i servizi base e 7 milioni e mezzo per i servizi opzionali (comprensivi degli oneri di sicurezza da interferenze ammontanti a 32 mila euro e mezzo) complessivamente intesi per tutta la durata dell’appalto. Alle cifre citate, si aggiungono infine 8 milioni 547 mila euro per somme a disposizione dell´amministrazione. La scadenza delle offerte o domande di partecipazione per il bando, attivato con il sistema della procedura aperta, da inviare alla sezione provinciale dell’Urega di Ragusa, è fissata entro il 9 maggio prossimo. «Siamo giunti – afferma l’assessore comunale all´ambiente Antonio Zanotto (foto) – all’ultimo passaggio tecnico prima della piena operatività del nuovo sistema di gestione del servizio di igiene ambientale per la città di Ragusa, che rappresenta, come ho già avuto modo di sottolineare, una vera e propria rivoluzione, e pone la nostra città come un modello virtuoso da seguire sia nel territorio siciliano che a livello nazionale. L’aspetto più evidente del nuovo progetto di gestione del servizio riguarda l’estensione a tutto il territorio urbano del sistema di raccolta differenziata porta a porta, con l’obiettivo di raggiungere, in tempi brevi, un livello del 70% di rifiuti differenziati. Tra le novità tecniche principali, figura inoltre il passaggio alla tariffazione puntuale basata sul principio europeo di un calcolo dei costi determinato dalla quantità di rifiuti effettivamente prodotta, con monitoraggio di ogni singola frazione raccolta quotidianamente mediante tecnologia transponder Rfid. Una tariffazione - prosegue l´assessore - più equa, trasparente ed incentivante, che premierà i cittadini più virtuosi. Attraverso tale meccanismo, il comune potrà inoltre contare su una drastica riduzione dei rifiuti conferiti in discarica, una maggiore efficienza del servizio tramite un’attenta riorganizzazione delle risorse aggiuntive a disposizione e, soprattutto, mediante il passaggio ad una nuova cultura, per la nostra comunità, sul fronte della gestione dei rifiuti, all’insegna dei principi di educazione al rispetto ed alla tutela dell’ambiente, che rappresentano i cardini essenziali del progetto Rifiuti Zero, cui si associa una cultura del riuso, anch’essa favorita - conclude Zanotto - dal nuovo sistema di gestione».


Ma come ...
21/03/2016 | 16.40.56
Piero I.

Avete tolto anche questo primato al Conte di Frigintini? E ora come farà? Diceva, lui, che era un progetto pilota per tutto il territorio Ibleo se non siculo? Povero Conte!