Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1147
RAGUSA - 05/03/2016
Attualità - Interviene il consigliere Marino

Troppi incidenti all´incrocio tra le vie La Pira e Galvani

Auspicata la realizzazione di una rotatoria Foto Corrierediragusa.it

«Continuano a ripetersi incidenti stradali all’incrocio tra via Galvani e via La Pira (foto), quest’ultima arteria stradale molto transitata. Forse sarebbe opportuno pensare all’istituzione di una rotatoria anche in questo crocevia per evitare che qualcuno si faccia male seriamente, così come in parte è già accaduto». A sostenerlo è il capogruppo del movimento Insieme, Elisa Marino, che si rivolge all’amministrazione comunale dopo avere raccolto una segnalazione sui social e avere valutato che la giusta soluzione potrebbe essere quella di provvedere, anche in via sperimentale, all’installazione di una rotatoria necessaria a regolamentare meglio il traffico e soprattutto a evitare che all’incrocio in questione si verifichino ulteriori sinistri stradali. «Mi sembra davvero strano – afferma Marino – che l’amministrazione abbia pensato di procedere in questo senso, ancorché in via sperimentale, in via Giuseppe Di Vittorio, all’altezza dello spiazzale che immette sul cavalcavia, mentre lo stesso provvedimento non sia stato assunto per il sito di cui stiamo parlando e in cui continuano a ripetersi incidenti. L’ultimo, abbastanza serio, si è verificato lo scorso primo marzo per cui è fin troppo evidente che non si può continuare a fare finta di niente quando invece è necessario attuare tutte le misure necessarie auspicando che questo fenomeno, quello degli incidenti stradali agli incroci della nostra città, possa essere attenuato se non debellato del tutto. Mi appello, dunque, alla sensibilità dell’Amministrazione comunale perché quando si parla di tutela della salute quello che si fa non è mai abbastanza».