Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 677
RAGUSA - 03/03/2016
Attualità - Presentati dal manager Aricò

I nuovi primari degli ospedali di Ragusa e Vittoria

Una nuovo input alla sanità iblea Foto Corrierediragusa.it

Sono stati presentati dal manager dell´Asp 7 Maurizio Aricò i nuovi direttori dei pronto soccorso dell’ospedale «Civile» di Ragusa e dell’ospedale «Guzzardi» di Vittoria, rispettivamente i primari Giovanni Noto e Carmelo Scarso (da sx nella foto). «Due nomine – dice con soddisfazione il direttore generale – che sono il risultato di una procedura concorsuale lunga e complessa". "Medici fortemente integrati nel territorio, i due nuovi primari, dirigevano, già da tempo i due reparti – dichiara il Direttore Sanitario Drago – con loro si completa il quadro della Rete Emergenza cui afferisce non solo il Pronto Soccorso, ma anche altri importanti servizi. Mi riferisco ai Pte, ai Ppi, alle Guardie Mediche, al 118 e così via. Un ambito che si arricchirà anche di un significativo incremento di personale sia medico che infermieristico in tutti i Pronto Soccorso.»

Giovanni Noto, nato nel 1961, Dirigente Medico di Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza, ha avuto assegnati, per la stessa disciplina, incarichi di Dirigente ad altissima professionalità all’interno della Mcau di Ragusa.

Carmelo Scarso, classe 1960, Dirigente Medico ha ricoperto diversi incarichi e continua a ricoprire quello di coordinatore Pte provinciali e Referente per il Piano di contingenza dei migranti in emergenza a Pozzallo.

Entrambi hanno sottolineato che: «I pazienti hanno bisogno di sicurezza, per cui continueremo a far sentire la qualità delle prestazioni per i pazienti gravi che arrivano in codice rosso e giallo ma anche per quelli con patologie meno gravi ma degni comunque di attenzione, i cosiddetti codici verdi».