Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 853
RAGUSA - 02/03/2016
Attualità - Lo rende noto l’on Dipasquale

Dalla Finanziaria pioggia di soldi per il territorio ibleo

Dall’Aras al Corfilac passando per il Consorzio universitario ibleo Foto Corrierediragusa.it

Con emendamenti alla Finanziaria sono state approvate importanti risorse economiche in favore dell’area iblea. A darne l’annuncio è l’on Nello Dipasquale, deputato regionale del Pd, che già in Commissione Bilancio all’Ars aveva provveduto a presentare degli emendamenti ad hoc. «Durante l’esame in aula a Palermo – spiega l’on Nello Dipasquale - è stato possibile discutere ed approvare dei finanziamenti che riguardano da vicino l’area iblea. In particolare 2 milioni e 500 mila euro sono destinati all’Aras Sicilia, l’associazione degli allevatori ed ancora un milione e 100 mila euro è destinato invece al Corfilac e all’attività di ricerca che svolge». Infine fondi anche per il Consorzio Universitario Ibleo inseriti nel finanziamento complessivo di circa 5 milioni di euro per i consorzi universitari siciliani da ripartire in base al numero degli studenti. «Anche in questo caso si è cercato di tendere la mano per sostenere le strutture universitarie della provincia di Ragusa e di altre province nonostante si è davvero in tempi particolarmente difficili circa il reperimento delle risorse».

GLI ALTRI FINANZIAMENTI
La norma della finanziaria approvata assegna 10 mln all´Irsap, 4,9n mln all´Istituto regionale della vite e del vino, 2,3 mln al Ciapi di Priolo, 13,9 mln agli enti parco e ai gestori delle riserve naturali con un taglio di 300 mila euro rispetto all´anno scorso, 12,4 mln al Teatro Bellini di Catania (-600 mila euro), 12,9 mln all´Ente di sviluppo agricolo (-700 mila euro), 3,7 mln al teatro di Messina, 2,05 mln all´Istituto zootecnico, 2,02 all´Istituto ippico di Catania (+ 200 mila euro), 7,9 mln alla Foss (-500 mila euro), 6,6 mln al teatro Massimo (-400 mila euro), 12,5 mln agli Ersu (-700 mila euro). E ancora: 787 mila euro a Taormina arte (-41 mila euro), 268 mila euro alle Orestiadi di Gibellina (-14 mila euro), 14,3 mln ai comuni per le spese di ricovero die minori disposto dall´autorità giudiziaria, 11,5 mln per le comunità alloggio, 7,5 mln per il fondo unico per lo spettacolo. Confermati i finanziamenti per le vittime di mafia: 435 mila euro alle associazioni antiracket, 113 mila euro per il fondo di solidarietà alle vittime del racket, 255 mila euro per le assunzioni di familiari di vittime di mafia.

C´E´ ANCHE CHI RIMANE A SECCO
Nell´elenco di enti, fondazioni, associazioni e istituzioni dell´allegato 1 della norma (art.22) sui contributi c´è chi rimane a secco, rispetto a quanto aveva ricevuto l´anno scorso. Nessun finanziamento per Consorzi di garanzia fidi per il concorso agli interessi delle operazioni finanziarie (persi 645 mila euro), il centro di formazione per la polizia municipale (30 mila euro), per il buono scuola (l´anno scorso 1 mln), per i centri si recupero e primo soccorso della fauna selvatica (era 70 mila euro), per le spese di istituzione di parchi regionali e riserve naturali (60 mila euro nel 2015).