Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 431
RAGUSA - 25/02/2016
Attualità - Tutti gli altri comuni iblei non contribuiscono e il capoluogo fa un passo indietro

Tassa soggiorno, da Ragusa niente soldi per tratte aeree

Stanziate somme per promozione turistica, l’apertura delle chiese e la Palomar Foto Corrierediragusa.it

La tassa di soggiorno rende. Nel 2015 ha fruttato quasi mezzo milione di euro che è stata ripartita sempre per servizi a favore dell’accoglienza e della promozione turistica. La somma deriva dalla tassa che ogni turista paga per ogni notte trascorsa in una delle tante strutture alberghiere presenti sul territorio comunale. Le strutture ricettive saranno le prime a beneficiare del 25 per cento del totale incassato, ovvero 122.500 euro. Per la promozione del territorio sono stati destinati 115 mila euro alla Palomar, la casa cinematografica che produce la serie del Commissario Montalbano mentre 45 mila euro sono stati destinati al pagamento del personale che consente di aprire le chiese negli orari delle visite turistiche.

La tassa servirò anche a finanziare alcune manifestazioni di grande richiamano, ormai diventate appuntamento del calendario stagionale. Si tratta di «A tuto volume», la manifestazione sui libri che si tiene a fine maggio, Ibla Buskers, «Arcadia comics» e Ibla Grand Prize» per un totale di quasi 100 mila euro. Niente da fare invece per il sostegno ai collegamenti operati da Ryanair su Comiso. Il consiglio degli operatori turistici non ha condiviso la scelta degli altri comuni di non aderire a questa campagna lascianndo solo il comune capoluogo. Una scelta miope da parte dei comuni iblei che sono tutti direttamente interessati dai flussi di visitatori che arrivano grazie alle tratte operate dalla compagnia low cost irlandese.