Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 766
RAGUSA - 16/02/2016
Attualità - Iniziata la campagna di sensibilizzazione per il referendum sull’Italicum

Coordinamento difesa costituzionale a Ragusa

Prima riunione ufficiale con esponenti del mondo politico e culturale. Cesare Borrometi presidente Foto Corrierediragusa.it

Il Coordinamento Difesa Costituzionale del comprensorio di Ragusa si è riunito per la prima volta per avviare la campagna di sensibilizzazione per il referendum sulla riforma costituzionale che il Governo vuole introdurre con l´Italicum. Il presidente del comitato Cesare Borrometi (foto), Giovanni Iacono, Presidente del Consiglio Comunale di Ragusa, Tina Petrolito, docente presso il liceo scientifico di Ragusa, Franco Antoci, già Sindaco di Ragusa e Presidente della Provincia, il senatore Concetto Scivoletto, hanno dato il loro contributo spiegando che l’abrogazione dell’Italicum, lungi dall’essere battaglia di retroguardia, ispirata a conservatorismo, è invece una battaglia progressista, in difesa della democrazia, della libertà, dell’uguaglianza. Giovanni Iacono ha specificato l´assoluta trasversalità ideologica del coordinamento e ha poi fatto una riflessione su alcuni fatti che stanno trasformando il paese nella Repubblica di un uomo solo. Si profila in Italia un attacco senza precedenti alla sovranità popolare e all’equilibrio fra i poteri dello Stato.

Oggi le risposte del governo Renzi ad uno status non felice della nostra democrazia vanno, piuttosto, in una direzione assai preoccupante: ancora parlamentari nominati per2/3; aumento del numero delle firme sia per i disegni di legge di iniziativa popolare che per i referendum abrogativi. Concetto Scivoletto ha concluso evidenziando come la Provincia di Ragusa rischia di rimanere fuori dal Parlamento nazionale: sia al Senato (la Sicilia esprimerà solo 7 senatori per 9 province) che alla Camera dei Deputati. E così avremo non solo parlamentari sganciati dal territorio ma anche territori fuori, per legge, dal Parlamento. Anche il senatore Gianni Battaglia ha dato l’adesione al Coordinamento, oltre che propria, dell’ANPI Ragusa che rappresenta. Al coordinamento aderisce anche l’Associazione Nazionale Perseguitati Politici Antifascisti di Ragusa.