Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 998
RAGUSA - 09/02/2016
Attualità - In migliaia seguirano i due talenti iblei dalla loro terra natia e non solo

Sanremo al via: è il giorno di Deborah Iurato e Giovanni Caccamo con la canzone "Via di qui". Maxi schermo in piazza S. Giovanni

I due cantanti sono carichi e convinti della potenzialità del loro brano, dato tra i favoriti del Festival
Foto CorrierediRagusa.it

E´ il giorno di Sanremo ed è un grande giorno per il duo Giovanni Caccamo-Deborah Iurato, per la prima volta insieme. C´è un motivo in più per seguire la 66ma edizione della kermesse sanremese per il territorio ibleo e siciliano in generale perchè sul palco dell´Ariston si esibiscono i due talenti iblei. Deborah Iurato, 24 anni, di Ragusa, e Giovanni Caccamo, 25, di Modica, non sono nuovi a grandi exploit e passerelle: lei è stata vincitrice del talent più famoso d´Italia, lui ha trionfato proprio lo scorso anno al Sanremo Giovani. E´ un duo molto affiatato non solo dal punto di vista generazionale e di appartenenza territoriale ma soprattutto per il mix di timbri sonori e capacità interpretative. Dolce e morbido è Giovanni Caccamo, acuta e ascendente Deborah Iurato ed il brano con cui si presentano, "Via da qui", promette di esaltare le loro doti canore. Non è un caso che i pronostici ma anche gli scommettitori danno il duo ibleo quale favorito per la vittoria finale nonostante ultimi, o quasi, arrivati. Giovanni Caccamo e Deborah Iurato sono molto rilassati e al contempo carichi, concedendosi ai fans per le strade di Sanremo (come si vede nella foto sopra) e piuttosto convinti della potenzialità del loro brano. Per i telespettatori sarà possibile votarli con il televoto da cellulare o rete fissa.

La prima serata del´Ariston vedrà dieci dei venti cantanti in gara nella sezione «Campioni»: Arisa, Bluvertigo, Giovanni Caccamo e Deborah Iurato, Dear Jack, Irene Fornaciari, Lorenzo Fragola, Noemi, Rocco Hunt, Enrico Ruggeri e Stadio. Tra gli ospiti più attesi, Elton John, Laura Pausini, Aldo Giovanni e Giacomo e Maitre Gims. Caccamo e Iurato canteranno nella prima parte della serata. A Ragusa è stato allestito un maxi schermo in piazza San Giovanni, su iniziativa dell´amministrazione comunale, proprio per dare a tutti la possibilità di seguire insieme la performance dei due cantanti iblei. Dice Giovani Caccamo a poche ore dall´inizio del Sanremo 2016: "È una grande emozione. Quel palco mi ha dato sensazioni impresse per sempre nella mia memoria ed è un onore essere nella categoria Big! Ho una gran voglia di presentare al grande pubblico di Sanremo il mio nuovo progetto, "Non Siamo Soli". Il primo album, Qui Per Te, era più malinconico. I testi e le atmosfere risentivano del dolore per la perdita di mio padre. Non Siamo Soli, invece, amo definirlo un cofanetto di speranze. Musicalmente c’è più apertura, è più diretto. Meno elettronica e più acustica. Via da qui, è un brano scritto da Giuliano Sangiorgi, l’unico dell’album non scritto da me. Nel corso del provino del brano la scorsa estate a casa sua in Puglia abbiamo capito subito che Via da qui sarebbe stato perfetto per Sanremo".

IL TESTO INTEGRALE DI VIA DI QUI DI CACCAMO E IURATO
Avrei una storia
Da raccontare
E poche ore prima
Prima di partire
Mi fermo e intanto tu
Prova ad ascoltare
Se chiudi gli occhi
Riesci ancora a immaginare
Che quello che ho da dirti in fondo
Non è una bugia
Ti cucirò un vestito nuovo addosso
Prima di scappare via
Prima di andare via
Via da qui, via da qui, via da qui
Via da qui
Che cosa poi ti aspetti
Di trovare di diverso da noi due
Se anche via,
Via da qui, via da qui, via da qui,
Mille domande io ti vorrei fare
Soltanto a un passo ancora
A un passo dalla fine
Lo vedi che non sono pronta
Ti lascio qui la pelle mia
Tu pensi che non sia abbastanza
Per non scappare via
Per non andare via
Via da qui, via da qui, via da qui
Via da qui
Che cosa poi ti aspetti
Di trovare di diverso da noi due
Se anche via,
Via da qui, via da qui, via da qui,
Sei sempre lì che aspetti
Di indossare le mie scuse
Come fossero medaglie
Da mostrare al mondo interno
Per provare a tutti
Senza incertezze e senza dubbi
Che è finito tutto adesso
Ti chiedo scusa sì ma
Sei sempre lì che aspetti
Di indossare le mie scuse
Come fossero medaglie
Da mostrare al mondo interno
Per provare a tutti
Senza incertezze e senza dubbi
Che è finito tutto adesso
Se proprio devo farlo adesso
Ti chiedo scusa sì ma parto
Restare qui non ha più senso
Se mi sussurri scusa resto.
Vai da qui, via da qui, via da qui.
E ancora qui ti aspetto.