Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 719
RAGUSA - 26/01/2016
Attualità - Le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati

Si celebra "Il giorno della memoria" contro lo sterminio

La Prefettura di Ragusa ha organizzato un momento di riflessione sul tema della Shoah Foto Corrierediragusa.it

Il «Giorno della Memoria», in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, istituito, si celebra mercoledì 27 con la Legge n. 211 del 20 luglio 2000. Nell’articolo 1 si legge che «La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz.
Tante le iniziative in Sicilia da Palermo a Catania e in tutti i capoluoghi e maggiori centri dell´isola. A Catania si segnala la mostra «1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia» allestita presso il Palazzo della cultura a Catania, che accoglierà i visitatori fino al 15 febbraio. È il frutto dell’intesa tra la Prefettura di Catania, il Centro di documentazione ebraica contemporanea di Milano (Cdec), la Comunità ebraica, il Comune di Catania, l’Archivio di Stato e la Soprintendenza Archivistica, l’Università di Catania.

La Prefettura di Ragusa ha invece organizzato un momento di riflessione sul tema della Shoah che avrà luogo mercoledì prossimo con inizio alle 11 nell’auditorium della Camera di Commercio, Parteciperanno i Vescovi delle diocesi di Ragusa e Noto, i Sindaci dei Comuni della provincia, il Commissario Straordinario del libero Consorzio comunale di Ragusa, i vertici provinciali delle Forze dell´Ordine, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d´arma, nonché delle componenti istituzionali a vario titolo interessate. E´ anche prevista la partecipazione di una rappresentanza di studenti degli istituti di istruzione secondaria della provincia, nell’intento di consolidare sempre più nel modo di pensare dei giovani il rifiuto incondizionato della violenza dell’uomo sull’uomo e della sopraffazione in genere.