Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 551
RAGUSA - 13/01/2016
Attualità - Sono andati persi i dati del 2010

Ragusani imbufaliti per i solleciti di pagamento

Non mancano i disagi però tra quanti devono recarsi negli uffici comunali di persona Foto Corrierediragusa.it

Ragusani imbufaliti (ad essere eufemistici) sui solleciti di pagamento per le bollette idriche relative al 2010 che stanno in questi giorni pervenendo al domicilio dei residenti. Pare che a suo tempo furono andati persi i dati relativi a quell’anno da parte dell’ufficio tributi. Di conseguenza il comune deve ora accertare chi pagò e chi no cinque anni fa, dal momento che i dati non risultano per un disguido accaduto all’epoca. Nessun problema per coloro che possono esibire la ricevuta di pagamento, che deve essere portata brevi manu negli uffici comunali. Più complicata invece la situazione di chi magari all’epoca pagò quanto dovuto ma ha nel frattempo perso la ricevuta. Da palazzo dell’Aquila fanno sapere che si tratta di una situazione ereditata e di cui solo adesso, nell’ambito degli accertamenti per contrastare l’evasione, si è venuti a conoscenza. In ogni caso la percentuale di solleciti annullati è al momento piuttosto bassa: circa 200 su 4 mila 150 inviati ai ragusani, per una media pari al 5%. Non mancano i disagi però tra quanti devono recarsi negli uffici comunali di persona per chiarire la propria posizione. Tuttavia viene fornita la migliore assistenza possibile e chi è in grado di esibire la ricevuta di avvenuto pagamento si vedrà annullare il sollecito.

Come accennato i ragusani sono arrabbiati e specie su Facebook i commenti sulla vicenda si sprecano. C´è chi grida allo scandalo e chi invece invoca la testa di qualcuno per evidenti responsabilità circa la perdita dei dati di incasso per il comune relativi al 2010. Una grave inadempienza che dovrebbe portare all´individuazione di precise responsabilità. Intanto, stranamente, l´opposizione tace su questo argomento destinato a fare ancora scalpore.

Nella foto palazzo dell´Aquila, sede del comune di Ragusa