Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 330
RAGUSA - 12/01/2016
Attualità - La maglia nera spetta a Monterosso Almo

Pubblicate 820 aste giudiziarie negli Iblei: un record

Nella poco edificante graduatoria c’è pure Vittoria Foto Corrierediragusa.it

La crisi economica ha messo in ginocchio anche il territorio ibleo dove annaspa in modo particolare in uno dei settori trainanti, ovvero l’agricoltura. Una situazione drammatica che non riguarda solo il comparto della produzione e vendita dell’ortofrutta ma che coinvolge anche il settore zootecnico. Sono 820 le aste giudiziarie pubblicate pari ad una ogni 389 abitanti. Oltre la metà, ovvero 449 aste, interessano immobili residenziali, 244 terreni, 68 immobili commerciali, 29 immobili rurali, 18 immobili industriali. All’asta ci sono anche titoli azionari (4), attrezzature e macchinari (3), veicoli (2), immobili sportivi (1). Per quanto riguarda il rapporto fra il numero degli abitanti e le aste giudiziarie, chi sta peggio è il paese di Monterosso Almo con 25 aste su 3 mila abitanti, pari ad una media di un caso ogni 123 abitanti. Seguono Chiaramonte con 52 aste con rapporto a 158,038 visto che gli abitanti sono 8 mila 218. Al terzo posto nella media c’è Vittoria, che, con 237 aste giudiziarie, è in testa come numero assoluto. Il rapporto con i 63 mila residenti registra il rapporto di un’asta ogni 266,211. Al quarto posto c’è Giarratana con 11 aste per 3 mila abitanti (rapporto una ogni 281,090 abitanti). Ed ancora, Comiso con 96 aste per 29 mila 984 residenti (rapporto uno ogni 312,3333) e infine Acate con 32 aste su 10 mila 639 abitanti (una ogni 332,4688).


aste e banche
14/01/2016 | 20.12.00
marcotullio

Il guaio è che un elevato numero di aste immobiliari comporta un effetto negativo sulle banche che hanno erogato i prestiti, con l´effetto di portare quelle locali al collasso, con un effetto domino sull´intera economia della zona, come abbiamo capito dopo il fallimento delle quattro banche di cui si è tanto parlato in questi giorni.