Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 839
RAGUSA - 09/01/2016
Attualità - Intervengono i consiglieri comunali Elisa Marino e Mario D’Asta

Ragusa "a secco" come Messina?

"Chiediamo al sindaco di mettere mano alla situazione e di intervenire nella maniera più rapida possibile" Foto Corrierediragusa.it

I consiglieri comunali Elisa Marino e Mario D’Asta hanno denunciato in aula il reiterarsi dei disagi che riguardano da vicino i residenti di contrada Cimillà e di altre contrade periferiche di Ragusa a causa del mancato approvvigionamento idrico. Un problema che si era già verificato nelle scorse settimane e che, adesso, si è acuito rendendo complicata la vivibilità. «Tutto è determinato, a quanto pare – hanno spiegato i consiglieri – dalle difficoltà di gestione del servizio in questione. Ma siccome si tratta di problemi che si stanno perpetuando, sarebbe opportuno che l’Amministrazione comunale intervenisse il prima possibile per cercare di turare quantomeno le falle. Non è possibile che i ritardi registrati, dalla prenotazione dell’autobotte sino all’arrivo della stessa, siano di settimane e, adesso, addirittura di mesi. I cittadini delle zone in questione non sanno più a che santo votarsi. Sono costretti a comprare acqua dai privati con dispendio economico oltre che di energie. Situazione insostenibile per numerosi bilanci familiari. Chiediamo al sindaco di mettere mano alla situazione e di intervenire nella maniera più rapida possibile considerato il fatto che già da prima di Natale avevamo segnalato la questione ma nessuno miglioramento si è registrato. Anzi, il quadro complessivo è sostanzialmente peggiorato».