Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1033
RAGUSA - 28/12/2015
Attualità - L’interpellanza della parlamentare M5S, Vanessa Ferreri, al presidente della Regionne

Consorzio bonifica Ragusa al dissesto: si deve intervenire

I lavoratori devono percepire ben sei mensilità, i trasferimenti della Regione non ci sono Foto Corrierediragusa.it

Consorzio di Bonifica vicino al dissesto. Vanessa Ferreri del M5S (foto), ha presentato un´interpellanza al governo Crocetta, che fa seguito a quattro interrogazioni finora rimaste senza esito. Dice la parlamentare: "Si intervenga per evitare il dissesto economico e per tutelare i lavoratori. È già noto il grave ritardo con cui vengono erogati gli stipendi dei lavoratori a tempo indeterminato del consorzio, che ammonta attualmente a circa 6 mensilità arretrate. Il 14 dicembre scorso, inoltre, il direttore generale del Consorzio, a causa della grave crisi economica in cui versa l´ente, ha disposto la sospensione di tutti i lavoratori inseriti nelle garanzie occupazionali attualmente avviati al lavoro, nonché la sospensione delle procedure di riassunzione per i lavoratori attualmente non in forza per cui era previsto il riavvio. II direttore generale, poi, ha anche diffuso una nota in cui annuncia l´imminente tracollo economico dell´ente, a causa sia dei mancati trasferimenti da parte della Regione, sia delle condanne giurisdizionali subite e relative al riconoscimento del rapporto a tempo indeterminato o al pagamento di rilevanti somme a titolo indennitario e risarcitorio (pari a circa 9 milioni)".

La deputata pentastellata aggiunge ancora: "Tutto giusto e tutto vero, tuttavia ci si chiede quanto, tutte quelle assunzioni nominative degli anni passati, abbiano contribuito a creare l´ormai certo tracollo economico del consorzio; assunzioni che hanno innalzato oltremodo le spese per l´organico, per non parlare delle promozioni non proprio trasparenti di tanti dipendenti, delle indennità chilometriche o degli straordinari elargiti "allegramente". Magari su questo sarà la Corte dei Conti a darci una risposta». Vanessa Ferreri chiede alla Regione cosa ne vuole fare dei consorzi di bonifica. L´assessore Cracolici e il presidente Crocetta continuano ad assistere inerti a questa lenta agonia mentre non si è ancora data attuazione all´articolo 13 della legge regionale del 2014, che istitutiva i Consorzi di bonifica della Sicilia occidentale ed orientale".