Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1091
RAGUSA - 14/12/2015
Attualità - Saranno garantite solo le emergenze e l’assistenza ai malati più gravi

Medici in sciopero, mercoledì ambulatori chiusi

Per gli scarsi investimenti nella sanità pubblica, per i tagli ai servizi agli utenti e al personale, lo stop ai contratti di lavoro Foto Corrierediragusa.it

In tutti i comuni iblei, come nel resto d´Italia, medici in sciopero per l´intera giornata di mercoledì. Gli ambulatori resteranno chiusi e saranno garantite solo le prestazioni di emergenza. Sono interessati dallo sciopero i medici convenzionati (di medicina generale e di continuità aziendale, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali), i medici dipendenti del servizio sanitario nazionale e il personale dell´area della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa. Gli studi dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta che aderiranno allo sciopero resteranno chiusi per l´intera giornata del 16 dicembre, dalle 8 alle 20. Si asterranno dal lavoro anche i medici di emergenza sanitaria, i medici di servizi territoriali e i medici penitenziari. Per i medici di continuità assistenziale (l´ex guardia medica) lo sciopero riguarderà le fasce orarie da mezzanotte alle otto di mattina e dalle 20 a mezzanotte del 16 dicembre. Sono garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della sanità e, per quanto riguarda le attività connesse all´assistenza diretta ai degenti, verrà data priorità alle emergenze e alla cura dei malati più gravi e non dimissibili. Attesa un´alta adesione allo sciopero indetto dall´Ordine dei Medici che protestano per gli scarsi investimenti nella sanità pubblica, per i tagli ai servizi agli utenti e al personale, lo stop ai contratti di lavoro, il blocco del turnover, un federalismo inappropriato che lascia la sanità a pezzi.