Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 940
RAGUSA - 13/12/2015
Attualità - L’azienda conta di attivarlo entro il prossimo febbraio in anticipo sull’apertura del nosocomio

Reparto Medicina nucleare pronto al Giovanni Paolo II

Il nuovo reparto può contare sulla PET collegata ad una TAC, strumento diagnostico tra i più innovativi Foto Corrierediragusa.it

Completati i lavori nei locali della Medicina Nucleare al Giovanni Paolo II di contrada Cisternazzi (foto). La Commissione Tecnica di Collaudo ha testato gli apparecchi e dichiarato le attrezzature funzionanti. La divisione è dunque operativa e il direttore generale dell´Asp intende aprirla entro febbraio con un anno di anticipo sul cronoprogramma. L´Asp ha già provveduto a bandire il concorso per un incarico a tempo determinato per i medici di medicina nucleare , professionalità di cui l´Azienda al momento è sprovvista.

Il nuovo reparto può contare sulla PET (Tomografia ad Emissione di Positroni), collegata ad una TAC, è uno degli strumenti diagnostici più innovativi, di uso crescente tra i clinici per le diverse applicazioni diagnostiche. Essendo un esame prevalentemente funzionale, consente di definire in termini di metabolismo cellulare la natura di una lesione. In oncologia con la PET-TAC è quindi possibile differenziare le lesioni tumorali da lesioni di altra natura, nonché, nello studio delle lesioni tumorali accertate, analizzare l´evoluzione della malattia anche dopo l´asportazione del tumore primitivo, e monitorare l´efficacia di una terapia antitumorale. Questo consente di predisporre tempestivamente piani di trattamento personalizzati per irradiare selettivamente i tessuti tumorali metabolicamente attivi, risparmiando al massimo i tessuti sani.

Ne consegue che il principale impiego della PET-TAC è nello studio dei tumori, per precisarne la natura e l´estensione o per differenziarli da altre malattie, anche quando questo non sia possibile con altre indagini così come nello studio della funzione cardiaca.L´´Asp ha potuto accedere ad corposo finanziamento europeo di tre milioni 402.mila euro che consentirà di acquisire una strumentazione diagnostica completa e all´avanguardia.