Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 981
RAGUSA - 28/11/2015
Attualità - L’esosa cifra è stata dimezzata grazie a Confconsumatori

Maxi bolletta elettrica da 75 mila euro!

Per l’avvocato Samantha Nicosia "Bisogna sempre reclamare per contrastare queste situazioni" Foto Corrierediragusa.it

Una piccola impresa del Ragusano si era rivolta alla Confconsumatori dopo aver ricevuto una fattura per la fornitura di energia elettrica di 75 mila euro! Roba da infarto, insomma. Una fattura anomala ed eccessivamente onerosa nonché inviata in ritardo di oltre un anno. L’azienda si è rivolta alla Confconsumatori che ha inoltrato una serie di reclami ai quali però non è stato dato alcun riscontro. Successivamente è stata inviata una richiesta di conciliazione ma la società fornitrice di energia non ha aderito. A questo punto e’ stato inoltrato reclamo all’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico che ha aperto una istruttoria. Prima del completamento dell’istruttoria e della pronuncia da parte dell’autorità, l’avvocato Samantha Nicosia, che assisteva l’impresa, è stata contattata dal legale della società fornitrice del servizio e dopo una lunga trattativa si è giunti alla bonaria definizione della controversia con un abbattimento di oltre 35 mila euro sull’importo originariamente preteso. Inoltre è stata data all’impresa la possibilità di dilazionare il pagamento nell’arco di un anno.

"Una boccata d’ossigeno per la piccola impresa ragusana che ha risparmiato quasi la metà della bolletta anomala", ha dichiarato l’avvocato Samantha Nicosia, secondo cui questi fatti confermano non solo che moltissime fatture sono illegittime ed errate, ma che le società erogatrici del servizio continuano ad emetterle. "Per tali motivi è importante reagire e contestare - dice l´avvocato Nicosia - anche di fronte al silenzio dei fornitori dei servizi che confidano o nella disattenzione da parte degli utenti o pensano di sfiancarli costringendoli a varie procedure di contestazione e reclami". Anche se in casi come quello in oggetto è davvero difficile "distrarsi"!