Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 850
RAGUSA - 20/11/2015
Attualità - Il Comune di Ragusa si è dotato dell’innovativo strumento

Regolamento su collaborazione tra i ragusani e la giunta

Il Consiglio Comunale infatti ha approvato alla unanimità Foto Corrierediragusa.it

Il Comune di Ragusa si è dotato di un «Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani». Il Consiglio Comunale infatti ha approvato alla unanimità questo importante strumento che nasce da una proposta di iniziativa consiliare presentata dai consiglieri comunali Carmelo Ialacqua, Maurizio Stevanato e Giorgio Massari. Il regolamento approvato nasce dal preciso intendimento di favorire il potenziamento del «welfare urbano» attraverso lo stimolo ed il sostegno di forme di cittadinanza attiva centrate sulla cura e valorizzazione dei beni comuni urbani – materiali, immateriale e digitali.
«L´obiettivo che si intende perseguire - sostengono i consiglieri proponenti - è quello di favorire un coinvolgimento e partecipazione attiva dei cittadini nell´azione amministrativa delle istituzioni per evitare la pericolosa perdita del senso di appartenenza di questi ultimi al territorio. Dobbiamo, ad esempio, fare in modo che gli spazi pubblici, sia del centro città che della periferia, non vengano percepiti dai cittadini come «cosa di nessuno» contribuendo al loro degrado ed abbandono. Gli abitanti del territorio comunale dovranno essere una preziosa risorsa per la soluzione dei problemi di interesse generale e dovranno assumere il ruolo di cittadini attivi ed alleati dell´amministrazione pubblica chiamata ad abbandonare ogni principio autoritativo e potere unilaterale nella gestione dei beni pubblici urbani.

Per questo motivo il regolamento prevede dei «patti di collaborazione» stipulati tra amministrazione e cittadini attivi, grazie ai quali questi ultimi potranno assumere la responsabilità della cura e della rigenerazione di spazi pubblici, come un giardino, una piazza, un edificio abbandonato, un parco, una rotatoria, una via, un immobile storico, una scuola, per poterli usare e farli divenire luoghi in cui svolgere attività ricreative, artistiche, di intrattenimento ed aggregazione giovanile. Per favorire queste forme di attività sociali l´Amministrazione sarà chiamata ad attivare diverse forme di sostegno ai cittadini attivi attraverso esenzioni e rimborsi e mettendo a disposizione materiali necessari e consulenze tecniche appropriate».

Aspetto non trascurabile del «Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani» è quello previsto dall´art. 9 dei 36 complessivi di cui è composto lo strumento. Riguarda l´innovazione digitale attraverso la partecipazione all´ideazione, al disegno ed alla realizzazione di servizi ed applicazioni per la rete civica da parte della comunità con particolare attenzione all´uso dei dati ed infrastrutture in un´ottica di beni comuni digitali. Per questo motivo il Comune dovrà condividere con i soggetti che partecipano alla vita ed evoluzione della rete civica e che mettono a disposizione dell´ambiente collaborativo e del medium civico competenze per la coprogettazione e la realizzazione di servizi innovativi, i dati, gli spazi, le infrastrutture e le piattaforme digitali.

Sull´approvazione del punto all´ordine del giorno del Consiglio Comunale il sindaco Federico Piccitto (foto) dichiara: «Accolgo con grande soddisfazione l´approvazione di uno strumento essenziale per favorire la collaborazione tra cittadini ed amministrazione comunale anche in termini di crescita di sensibilità ed educazione civica all´interno della comunità. Peraltro, Ragusa è una delle prime città in Italia ad essersi dotata di un regolamento di questo tipo, riaffermando ancora una volta la propria capacità di recepire in tempi brevi sistemi innovativi ed utili come lo strumento in questione, che consentono lo sviluppo di una realtà, del resto, da sempre all´avanguardia nell´ambito della condivisione».