Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1091
RAGUSA - 17/11/2015
Attualità - Lanciata sottoscrizione popolare a tutela degli utenti siciliani

In Sicilia i biglietti aerei sono più cari

Viaggiare da e per la Sicilia costa sempre più caro Foto Corrierediragusa.it

Viaggiare da e per la Sicilia costa sempre più caro. Soprattutto nei periodi caldi, Natale, Pasqua, e il periodo estivo. Un biglietto aereo dai quattro aeroporti siciliani per Milano o Roma può essere più caro anche di un terzo rispetto allo stessa lunghezza della tratta da altre parti d´Italia. La Sicilia risulta così appetibile da parte delle compagnie aeree che realizzano grandi ricavi e solo sulla carta risultano in competizione. L´arrivo delle low cost sembrava avere favorito una diminuzione dei costi ed in effetti questo si è verificato seppur solo in parte. Perchè se si ha necessità di partire a stretto giro di posta anche i biglietti delle compagnie low cost sono alti. In questo panorama Milano, per esempio, risulta ben più cara di Roma, per una minore offerta di posti e per maggiore richiesta. Questo motivo ha indotto il Codacons a lanciare una sottoscrizione popolare. Dice il segretario nazionale del Codacons, Francesco Tanasi: "Il principio della continuità territoriale, applicato da anni tra la Sardegna, dove i biglietti aerei costano il 50% in meno, e il resto d´Italia, deve essere esteso anche alla Sicilia, per facilitare la mobilità da e verso l’ isola.

E´una necessità che deve vedere impegnato il Governo nazionale, a seguito di un atto di indirizzo approvato dalla Regione siciliana. Le tariffe agevolate per i residenti rappresentano un diritto per i cittadini siciliani che vivono in una realtà in cui la qualità e l´efficienza dei servizi di trasporto (autostradale, ferroviario, navale) sono alquanto carenti".