Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 773
RAGUSA - 16/11/2015
Attualità - Primo appuntamento dei due programmati prima dell’insediamento del nuovo vescovo

Mons. Paolo Urso ha salutato la diocesi in cattedrale

Grande partecipazione di fedeli e di tutta la comunità parrocchiale. Mons. Cuttitta si insedia sabato 28 Foto Corrierediragusa.it

Una serata di preghiera e non solo in una cattedrale stracolma di fedeli e di tutta la comunità parrocchiale. Mons. Paolo Urso (foto) ha salutato così per il primo dei suoi due incontri programmati prima di congedarsi dalla diocesi di cui è stato pastore per 13 anni. Sullo schermo gigante campeggiava una scritta voluta dalla comunità ""Grazie, vescovo Paolo". Mons. Urso ha riproposto alcuni dei testi che in questi anni ha letto dal pulpito quale messaggi di riflessione per tutta la diocesi. Le letture sono state intervallate da quattro corali che in rappresentanza dei comuni della diocesi hanno voluto così salutare il vescovo. Il prossimo appuntamento è previsto per sabato prossimo alle 20 sempre in Cattedrale. Sarà uno degli ultimi atti di Mons. Paolo Urso che si appresta a ricevere la cittadinanza onoraria da parte del sindaco.

La diocesi si prepara intanto per accogliere il nuovo pastore, l´attuale vicario episcopale di Palermo, Mons. Carmelo Cuttitta che varcherà la soglia di s Giovanni sabato 28. Per Mons. Cuttitta sarà un ritorno a Ragusa perchè proprio 13 anni fa, il 12 aprile del 2003, accompagnò in processione Mons. Urso che si insediava come vescovo. Ricorda il nuovo vescovo di Ragusa: "Quel giorno di tredici anni fa mi recai per la prima volta a Ragusa. Ci sono tornato alcuni giorni fa, diciamo così in incognito, per incontrare monsignor Urso e il vicario generale, e per vedere un po’ il luogo dove andrò ad abitare. Di Ragusa non conosco praticamente nulla, ma sento sempre tanta gente, tantissime persone, che ci lavorano, ci vanno in vacanza. Un territorio dalle grandissime potenzialità, economiche, ecclesiali, dov´è possibile realizzare tante belle cose".