Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 1008
RAGUSA - 10/11/2015
Attualità - Due appalti

Lavori ai giardini iblei e fognatura Bruscè

Soddisfazione espressa dai rispettivi assessori Foto Corrierediragusa.it

E’ stato stipulato il contratto relativo alla procedura aperta per l’appalto riguardante il completamento dei lavori di ripavimentazione, orlature e restauro degli elementi di arredo dei giardini iblei di Ragusa Ibla (foto). Ad eseguire i lavori sarà la ditta aggiudicataria Isa Restauri Costruzioni Srl con sede a Mistretta (Messina) che ha tempo un anno per consegnare l’opera. Il progetto prevede il recupero funzionale del sito attraverso una serie di interventi nelle aree principali del giardino pubblico. Tra gli interventi rientrano, in particolare, il restauro degli edifici, delle colonnine in pietra e degli elementi d’arredo, come le panche, nel viale d´ingresso principale, mediante la rimozione dei licheni e delle alterazioni che si sono formate nel tempo; per le panchine previsto anche uno specifico intervento di trattamento della pietra. In progetto, inoltre, il restauro filologico della «vasca», la pavimentazione del «Palco della Musica» e della «Montagnola» e l´installazione di paline nei viali della villa comunale.

Nello specifico, per la «vasca» è prevista l´eliminazione della siepe presente e la sostituzione della ringhiera di protezione, mentre per il «Palco della Musica» è programmata una nuova pavimentazione che richiamerà il simbolismo del «pentagramma» attraverso l’alternarsi di basole in pietra asfaltica e calcarea.

La «Montagnola», infine, verrà ripavimentata con ciottoli, secondo il motivo già presente nell´ingresso principale, con la rappresentazione dell´immagine urbana di Ibla «forma piscis». «Un altro tassello essenziale – afferma il vicesindaco con delega ai centri storici Massimo Iannucci – nel percorso di riqualificazione e rivitalizzazione di uno degli ingressi centrali del quartiere barocco. Una priorità per questa amministrazione, specie in prospettiva turistica. L’intervento in questione, peraltro, prevede un importante e complesso intervento di recupero della memoria di uno dei luoghi più affascinanti ed originali di Ibla, nel rispetto della storia e della tradizione, che si unisce in un unico filo conduttore con l´analogo intervento già realizzato nell´adiacente piazza Odierna».

PRESTO AL VIA I LAVORI DELLA FOGNATURA DI BRUSCE´
E’ stato stipulato il contratto relativo alla procedura aperta per la realizzazione dei lavori di ampliamento della rete fognaria di contrada Bruscè con la ditta aggiudicataria, la Visa Costruzioni Srl Di Maletto (CT).
Il progetto prevede la realizzazione di un collettore primario da oltre mille 400 metri in via Fieramosca per il collegamento con l´impianto di sollevamento sito in contrada Cisternazzi e di tre tronchi secondari in via Norvegia, via Oslo e via Volontari del Sangue. L’opera dovrà essere ultimata entro sei mesi dall’avvio dei lavori in programma a gennaio per la piena disponibilità delle forniture speciali che dovranno essere installate.

«L’intervento fa parte di una programmazione organica intrapresa dall´amministrazione comunale al fine di eliminare le problematiche igienico-sanitarie, con relativi disagi per i residenti, in una zona finora sprovvista di rete fognaria e di smaltimento dei reflui urbani – spiega l’assessore comunale ai lavori pubblici Salvatore Corallo – e il Comune finora ha fatto fronte a tali disagi garantendo il servizio di espurgo dei pozzi, con relativi oneri economici notevoli su base annua . Si tratta di lavori che i residenti della zona attendevano da tempo. Questa amministrazione ha sbloccato con rapidità ed efficacia un iter complesso giungendo così, in tempi rapidi, all´avvio di un’opera essenziale per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini».