Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1562
RAGUSA - 06/11/2015
Attualità - In tutto 625 accertamenti inviati ai cittadini

Mansarde abusive: attenti "furbetti"!

Già 33 mila euro sono stati versati dai cittadini ai quali sono state contestate difformità tra le superfici dichiarate e quelle reali Foto Corrierediragusa.it

Sottotetti trasformati in mansarde e seminterrati non dichiarati e nascosti. Sono i dati più salienti che emergono dall´anagrafe immobiliare sul territorio comunale grazie all´utilizzo di immagine scattate dall´alto e da un certosino controllo a terra. In tutto 625 accertamenti inviati ai cittadini, in tre diversi «mandati» (fine luglio, fino settembre e fine ottobre), per un totale di poco meno di 900 mila euro di somme da pagare a seguito delle rilevazioni compiute dalla Lamco, l´azienda che cura per conto del Comune il servizio di anagrafe immobiliare. Già 33 mila euro sono stati versati dai cittadini ai quali sono state contestate difformità tra le superfici dichiarate e quelle reali. Sono gli effetti pratici del progetto approvato dal consiglio comunale cinque anni fa, il cui appalto è stato aggiudicato nel 2013 dopo alcuni ricorsi che ne hanno ritardato l´avvio al marzo dello scorso anno. Il servizio è a costo zero per il comune perchè la Lamco percepisce una percentuale sulle somme recuperate. Si tratta della prima esperienza, in Italia, di intervento di questo tipo per contrastare il fenomeno dell´evasione e dell´elusione. Il contratto riguarda le imposte e tasse comunali: Ici, Imu e Tari oltre al servizio idrico. La durata del progetto è di cinque anni. La prima fase è scattata tra marzo e giugno, con tre voli che, dall´alto, hanno ´fotografato´, con l´ausilio di sofisticate tecnologie, gli immobili.

La successiva fase è stata fatta con controlli a terra, grazie all´apporto di una trentina di addetti che la ditta ha selezionato, così come il resto del personale, con una pubblicazione sul sito infojob. La prevalenza delle scelte è caduta su professionisti locali. Altri dieci operatori hanno spulciato gli archivi per controllare mappe e documenti al fine di potere individuare le difformità tra le dichiarazioni dei cittadini e le metrature reali degli immobili. Si discosta in maniera significativa, confermando come mansarde e seminterrati abusivi non siano l´eccezione.


bunker?
07/11/2015 | 19.09.40
arlecchino

Seminterrati trasformati in case? Come il bunker della Cancelleria di Berlino?