Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 740
RAGUSA - 29/10/2015
Attualità - Permane l’allerta in tutta la Sicilia

Il vero maltempo arriverà per i morti

Disagi in particolare a Ispica, Pozzallo e Rosolini Foto Corrierediragusa.it

Strade allagate e viabilità in tilt sulla statale 115 nel tratto che collega Ispica a Rosolini. Un violento temporale questo pomeriggio ha colpito la zona a confine tra la provincia di Ragusa e Siracusa. Il nubifragio ha causato enormi disagi per gli automobilisti: rallentamenti si sono registrati a Pozzallo, Ispica e Rosolini. La statale si è trasformata in un enorme palude con detriti, arbusti e sassi sulla carreggiata. E poi ancora scantinati e garage allagati in diverse zone di Ispica. "Sembra di stare in una laguna", commentano sui social network molti ispicesi. È stato necessario l´intervento dei vigili del fuoco e anche della polizia municipale in diversi punti della 115. In particolare i pompieri sono stati impegnati a soccorrere i passeggeri di un treno rimasto bloccato a causa dell’allagamento dei binari nei pressi di Ispica. Il convoglio locale, infatti, è rimasto bloccato sulla linea ferrata proprio perché l’acqua non è riuscita a defluire attraverso i normali canali di scolo. Tre squadre di vigili del fuoco del comando provinciale insieme agli uomini del distaccamento di Modica, hanno lavorato fino a notte fonda per gestire l’emergenza. Sulle strade rallentamenti e disagi per tutti gli automobilisti fino a tarda sera ma per fortuna non si è registrato nessun incidente. Altri disagi anche per gli automobilisti in transito verso Pozzallo e Rosolini.

Danni ingenti si sono registrati nel settore dell´agricoltura con serre scoperchiate e campi allagati. Ma il vero maltempo è previsto tra sabato e il giorno dei morti. Permane dunque lo stato di allerta in tutta la Sicilia.