Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 445
RAGUSA - 28/10/2015
Attualità - Dal 16 dicembre 2014 si è insediato un commissario ad acta

Il comune di Ragusa commissariato per la Migliore

"E’ gravissimo - dice la Migliore - che il consiglio comunale non sia mai stato informato di questa situazione" Foto Corrierediragusa.it

«Dal 16 dicembre 2014 al Comune di Ragusa si è insediato un commissario ad acta con i poteri del consiglio comunale e non lo sapeva nessuno, eccezion fatta per quella ristretta cerchia di amministratori e dirigenti. Scandaloso». E´ il commento di Sonia Migliore (foto), portavoce del Laboratorio politico 2.0, apprendendo di una delibera emessa da un commissario nominato dal Tar di Catania in un procedimento che ha visto un privato chiamare in causa l´ente per inadempienza rispetto a un procedimento iniziato a marzo 2013. «Nella gestione a 5 Stelle del Comune di Ragusa – dichiara Migliore – capita anche questo: un privato chiede al comune di poter sistemare delle aree di sua proprietà (una semplice variante al piano regolatore generale) gli uffici non rispondono come dovrebbero e dopo un procedimento davanti al tribunale amministrativo, che giudica l´ente colpevolmente inerte poiché non bastano neanche i 120 giorni concessi in un primo momento per risolvere la questione, il civico consesso viene sostituito da un commissario che a sua volta, stando alle carte, è insediato dal 16 dicembre 2014, però in gran segreto.

E´ gravissimo - prosegue la Migliore - che il consiglio comunale non sia mai stato informato di questa situazione e, a questo punto, è lecito chiedersi quante di queste situazioni possono esserci. Al di là del merito del procedimento al Tar, come detto una semplice variante al Prg – conclude Migliore – sorprende che il commissariamento del più importante organo elettivo del comune sia passato sotto silenzio».