Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 891
RAGUSA - 05/08/2008
Attualità - Palermo- Convenzione Inps-Inail- Regione per il lavoro legale

Occasioni di lavoro agricolo per giovani e pensionati

Vendemmia 2008, un’ottima annata per studenti e pensionati: opportunità di lavoro agricolo per disoccupati e inoccupati Foto Corrierediragusa.it

Studenti e pensionati potranno essere assunti in via occasionale per lavori agricoli legati alla vendemmia che sta per iniziare. E avranno la possibilità di far valere i contributi lavorativi ai fini pensionistici.

I beneficiari sono i giovani dai 16 anni in su che non sono entranti nel mondo del lavoro e i pensionati già usciti dall´attività lavorativa. Questa forma di lavoro di tipo accessorio e occasionale era prevista dalla legge 30 del 2002, ma solo ora si sta dando concretezza alla sperimentazione.

I particolari dell´importante novità, che molto presto potrebbe essere estesa anche ad altre tipologie di lavoro occasionale, sono stati spiegati presso il Centro per l´Impiego a Palermo dal direttore regionale dell’Inps Filippo La Commare (nella foto) e dal direttore dell’ispettorato del Lavoro Vito Di Bella. «Si tratta- ha detto il dott. Filippo La Commare - di esperienze di lavoro svolte nella massima legalità e trasparenza che mirano a scongiurare il lavoro nero e a garantire la copertura assicurativa e pensionistica ai lavoratori». Per il dott. Vito Di Bella, «questo esperimento potrebbe essere il test per allargare la platea ad altri lavori di tipo occasionale e accessorio».

Studenti e pensionati, dunque, grazie a una convenzione stipulata fra Inps, Regione Sicilia e Inail, potranno avere opportunità di lavoro nel settore agricolo a partire dalla vendemmia 2008 fino al 31 dicembre 2008.

Per instaurare questo rapporto di lavoro occorrono due soggetti: il datore di lavoro/committente, che può utilizzare prestazioni di lavoro nei limiti di un tetto di spesa di 10.000 euro; e il lavoratore/prestatore, che nell’arco dell’anno non può avere compensi superiori a 5.000 euro.

Il rapporto di lavoro presenta molti vantaggi per il datore di lavoro e per il lavoratore. Il primo beneficia delle prestazioni nella completa legalità, con copertura assicurativa Inail senza dover stipulare alcun tipo di contratto; il secondo può integrare le sue entrate attraverso prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale, non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato ed è coperto, inoltre, da una posizione previdenziale e assicurativa.

Il pagamento delle prestazioni avviene tramite l’utilizzo di «voucher» telematici e/o cartacei (buoni lavoro) che il datore di lavoro acquista a 10 euro in procedura telematica oppure presso l’Inps o ancora attraverso le associazioni di categorie agricole. I buoni servono a pagare il lavoratore, che può riscuotere il corrispettivo netto di 7,50 l’ora presso qualunque ufficio postale.