Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1069
RAGUSA - 21/10/2015
Attualità - Alla presenza del vescovo, dei rappresentanti della Caritas e dei parrocchiani

La "Dimora del Battista" accoglierà chi è in difficoltà

E’ a disposizione di chiunque necessita di un alloggio per alcuni giorni Foto Corrierediragusa.it

Una casa che apre le porte a chi è in difficoltà. E´ stata inaugurata dal vescovo, Mons. Paolo Urso (nella foto), la "Dimora del Battista’, in corso XXIV Maggio, in fondo al corso Italia. L’iniziativa era stata annunciata nel corso della festa del Patrono e si è concretizzata a due mesi di stanza. Spiega il parroco Don Girolamo Alessi: "La struttura ha sei posti letto base, ma è possibile aggiungerne altri. E´ a disposizione di chiunque necessita di un alloggio per alcuni giorni trovandosi in una situazione economica e logistica difficile; aperta sia ai ragusani che a qualunque altra persona o nucleo familiare proveniente da città e realtà parrocchiali della diocesi. Locali che quindi rappresentano un sostegno in una fase transitoria, durante la quale la Caritas si metterà a disposizione per capire in che modo risolvere tale difficoltà attraverso tutte le altre proprie strutture».

Insieme ai rappresentanti della Caritas diocesana anche il vescovo Urso per il quale si è trattato di una delle ultime uscite ufficiali: "E’ bello che parte delle somme necessarie per attivare questa casa siano arrivate dalle offerte della festa del Patrono. Ogni festa religiosa deve necessariamente avere un elemento di attenzione verso gli altri, verso chi ha bisogno, diversamente le feste religiose sarebbero ricorrenze morte». Molti parocchiani hanno aiutato ad arredare la casa con materassi, mobili, piccoli elettrodomestici per rendere la "Dimora del Battista" più accogliente.
I locali erano della parrocchia, parte dei fondi arriva dalle offerte della festa di San Giovanni. E poi tante persone hanno voluto donare qualcosa: reti, materassi, reti, vettovaglie e altri oggetti per rendere la casa confortevole e fruibile.