Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1104
RAGUSA - 20/10/2015
Attualità - Grazie ai fondi messi a disposzione ddal ministero dell’Interno

Al via servizio trasporto disabili, tanti dubbi ancora

Le preoccupazioni sui tempi di attuazione manifestati dall’associazione "Pro Diritti H" Foto Corrierediragusa.it

Il servizio di trasporto per i 165 disabili parte da oggi ma ci sono nubi dense all´orizzonte. La certezza è potrà essere certamente garantito fino al 9 novembre poi bisognerà attendere l´approvazione del Bilancio da parte dell´ex Provincia e si potrà arrivare fino alle vacanze natalizie. Il servizio per il nuovo anno è tutta un´incognita. Salvina Cilia (nella foto a sin.), presidente dell’associazione «Pro Diritti H», a nome delle associazioni che ne fanno parte dice: "Il servizio è garantito anche grazie alla disponibilità delle cooperative di dimezzare le tariffe, assumendosi l’onere del 50 per cento dei costi. Mentre, per quanto riguarda l’assistenza specialistica, verranno garantite 2 ore per studente. È ovvio che questo non ci lascia affatto tranquilli perché queste ore non rappresentano la risposta alle diverse esigenze. Ci sono ragazzi che hanno meno problematiche, e che quindi riusciranno a colmare tutte le lacune e compensare col monte ore del sostegno, ma ci sono ragazzi ai quali queste 2 ore non bastano e che quindi continueranno a rimanere a casa, impossibilitati a seguire le lezioni".

Si procede a vista insomma perchè Asp e istituti non si sono ancora raccordati". Così come serve l´approvazione del Bilancio per utilizzare tutti i 415 mila euro che il Ministero dell´Interno ha messo a disposizione. Senza strumento finanziario si rischia di non potere utilizzare la somma e a tal fine la deputazione iblea incontrerà l´assessore regionale agli Enti locali per approfondire tutta la questione.