Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 485
RAGUSA - 04/08/2008
Attualità - Ragusa - Caos a Punta di Mola, in quel di Marina

Ragusa: la strada della discordia

I residenti di via Perugia alle prese con la viabilità Foto Corrierediragusa.it

La strada della discordia. Si tratta della via Perugia (nella foto), a Punta di Mola (Marina di Ragusa ), arteria da sempre nevralgica per diversi motivi: per il suo accesso al mare ed al lungomare Bisani, perché collegamento diretto con le piazze superiori, perché zona di transito e parcheggio ( selvaggio ) per accedere ad uno tra i più frequentati locali della zona.

Il fatto che la strada da sempre sia stata vettore di numerosi problemi era ormai risaputo. Infatti, nonostante il divieto d’accesso a salire, gli allegri conducenti di auto e moto, non lo hanno mai tenuto in considerazione. Vetture posteggiate da ambo i lati , anche sui marciapiedi, moto parcheggiate dappertutto, e macchine che si incrociavano mettendo in scena il teatrino del « vai indietro che sei controsenso», «no vacci tu che sei in discesa». Insomma un caos. Così, ad ogni fine stagione qualche vettura parcheggiata e di proprietà di qualche residente, ci rimetteva puntualmente una freccia, un deflettore, una strisciatina su una fiancata. Evidentemente, non sono mai mancate le segnalazioni , tant’ è che dopo l’ennesima , l’estate scorsa, è giunta la salomonica decisione: è stato abolito il divieto d’accesso! Così, tutto ciò che costituiva un problema e poteva essere multato con facilità, se solo fossero stati fatti dei controlli, ora è divenuto «legale» ed « autorizzato».

Dunque, non mancano durante le ore diurne e notturne, le "clacsonate" melodiche delle macchine che si scontrano «vis a vis» e che non vogliono retrocedere di un millimetro perché sono tutte nel senso giusto, sia a salire , sia a scendere. Pedoni sempre più impossibilitati a camminare sui marciapiedi divenuti parcheggio delle moto, e le strisciatine sulle fiancate sono divenute più frequenti?tanto poi, i responsabili se ne vanno imperterriti.

A questo punto, sarebbe opportuno consigliare un’altra salomonica decisione: abolire la possibilità di parcheggio delle auto, così i residenti potranno parcheggiare all’uscita della località balneare, e per accedere alle abitazioni, potranno usufruire degli urbani che finalmente, si riempiranno!