Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 720
RAGUSA - 07/10/2015
Attualità - Incredibile caso nel capoluogo ibleo

Agenzia delle entrate pignorata da un tabaccaio!

Protagonista della vicenda è il commerciante Giorgio Raniolo Foto Corrierediragusa.it

L’Agenzia delle Entrate non lo rimborsa, tabaccaio gli manda l’ufficiale giudiziario. Era sicuro che dopo che la Commissione Provinciale Tributaria di Ragusa gli avesse dato ragione, l’Agenzia delle Entrate gli avrebbe corrisposto tutte le somme dovute comprensive del rimborso delle spese legali. Ma non è stato così. Per la cronaca la Commissione Tributaria si è pronunciata il 23 marzo dell’anno scorso. Protagonista della vicenda è Giorgio Raniolo, proprietario di una tabaccheria. L’uomo il primo luglio del 2011 aveva emesso un contributo unificato del valore di 1221 euro a seguito di richiesta di un cliente. Quest’ultimo, adducendo delle scuse non aveva ritirato il predetto valore bollato, pertanto logicamente il tabaccaio ne aveva chiesto il rimborso all’Agenzia delle Entrate di Ragusa la quale non solo aveva negato quello che il tabaccaio riteneva un suo palese diritto ma tratteneva il titolo causando - secondo la difesa - un doppio danno. Il giudice tributario, a seguito dell’iter processuale ha accolto le argomentazioni del signor Raniolo condannando l’ Agenzia delle Entrate non solo a voler disporre il rimborso ma altresì al pagamento delle spese processuali per un totale di circa 2 mila euro, raddoppiando quindi le spese a carico dello Stato e, quindi, dei cittadini. Gds.it


Oltra al danno la beffa!
07/10/2015 | 19.58.23
Peppe RG

Uno Stato serio e Leale coda dovrebbe fare in questi casi? prendere i dirigenti e personale dell´Agenzia delle Entrate che hanno causato questo danno, perpetrandolo, e non solo denunciarli ma fare sborsare loro quanto causato. Ma siamo in Italia...... Ad maiora!!!!