Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 970
RAGUSA - 04/10/2015
Attualità - "Graffitari" all’opera con disegni di dubbio gusto

Ibla deturpata dai vandali: sdegno e rabbia

E’ intervenuto l’assessore Corallo Foto Corrierediragusa.it

Sdegno, rammarico, rabbia. Sono i sentimenti che hanno provato i visitatori di Ibla quando hanno trovato deturpata da disegni e scritte di pessimo gusto la scalinata che porta dal centro superiore al quartiere barocco nei pressi di S. Maria delle Scale (foto). I "graffitari" hanno colpito nel corso della notte uno degli angoli più suggestivi ma non è loro bastato perchè si sono poi sbizzarriti anche in altri angoli di Ibla, sui muri, in alcuni passaggi coperti con una bomboletta spray di colore blu con scritte di dubbio gusto ma soprattutto deturpando un intero quartiere. L´assessore Salvatore Corallo, sollecitato anche dai tanti che hanno subito notato lo scempio, ha provveduto con l´intervento degli addetti alla manutenzione a riportare tutto allo stato naturale ma non ha mancato di intervenire sulla questione: "Vandalismo, idiozia, c’è di tutto. Oltre la rabbia e l’immediata operatività per ripulire e cancellare dobbiamo chiederci: ma dove è arrivata l’ignoranza e la violenza?

Come si fa a non capire che imbrattare i muri della città e di quel capolavoro che è Ibla significa dichiarare guerra a valori e sentimenti comuni e al lavoro enorme che ogni giorno mettiamo in campo per vivere una Ragusa orgogliosa di se stessa? Non serve solo straccio e detergente per levare ogni traccia di quell’indecenza, – e, ovviamente, controlli e sanzioni, – ci vuole un impegno straordinario di rieducazione alla cittadinanza. Solo coltivando l’intelligenza collettiva riusciremo ad arginare e confinare questi gesti; la città merita impegno, rispetto, amore».


popolo
05/10/2015 | 4.36.33
scarpantibus

Ecco perché non ho mai creduto nella democrazia.