Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1514
RAGUSA - 30/09/2015
Attualità - L’ente dice "addio" a Riscossione Sicilia

Il comune di Ragusa recupera tasse e tributi da sé

La giunta "boccia" i risultati derivanti dall’effettuazione della riscossione coattiva Foto Corrierediragusa.it

Recupero tasse e tributi non pagati. Il Comune di Ragusa dice "addio" a Riscossione Sicilia. Lo stabilisce una delibera di giunta municipale, un atto d´indirizzo al dirigente del settore Tributi affinchè venga avviata la sperimentazione del servizio di riscossione coattiva tramite ingiunzione fiscale delle entrate non riscosse. «Gestire e riscuotere in proprio le entrate tributarie e non dell´ente - si legge nella delibera - consente al Comune di scegliere la forma di gestione e di riscossione più idonea per realizzare l´interesse pubblico che meglio risponde ai criteri di efficienza, economicità, funzionalità, regolarità, imparzialità e buon andamento dell´azione della Pubblica amministrazione». La giunta, inoltre, rileva che: «La riscossione diretta risponde all´obiettivo di dare completa applicazione a quella semplificazione degli adempimenti tributari voluta dalla più recente legislazione in materia, in modo che, oltre a risparmiare sui costi sostenuti dal Comune, sia possibile migliorare la qualità del servizio di riscossione offerto ai contribuenti».

La giunta "boccia" i «risultati derivanti dall´effettuazione della riscossione coattiva delle entrate comunali tramite ruolo esattoriale, di esclusiva competenza di Riscossione Sicilia».