Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 730
RAGUSA - 23/09/2015
Attualità - Sostenuta dalle Associazioni «Amunì», «Aiad», «Siamo a peri» e la Pastorale della Salute

Pazienti Centro diurno Alzheimer in cammino a Marina

Presentata per l’occasione la neonata Associazione dei familiari Alzheimer Ragusa Foto Corrierediragusa.it

Camminata per le vie di Marina per i pazienti del Centro diurno Alzheimer (nella foto). Le Associazioni «Amunì», «Aiad», «Siamo a peri» e la Pastorale della Salute hanno sostenuto l’iniziativa che ha portato i partecipanti dal lungomare «Mediterraneo» fino al porto turistico per ritornare al punto di partenza. Tanta la solidarietà tra le Associazioni e la gente comune che hanno partecipato alla manifestazione.

Per il Centro Diurno la giornata di domenica è stata l’occasione per presentare la neonata Associazione dei familiari Alzheimer Ragusa – A.F.A.R. da poco costituita. Per i familiari l’esordio della malattia e la sua progressione sono fonte di grande sofferenza per le conseguenze sulla persona malata e per la perdita che essi vivono. Infatti la malattia ha come effetto la perdita dell’altro in termini di disponibilità e di relazione. Progressivamente la malattia determina «l’assenza», il «vuoto», il «distacco» di una persona con la quale si condivideva una storia, un vissuto, una relazione e ciò assume particolare rilevanza nel caso di una coppia. E’ importante, quindi, promuovere il benessere e contenere il disagio delle persone con demenza e delle loro famiglie creando contesti ed interventi mirati a fornire supporto nelle diversi fasi della malattia sia ai pazienti sia ai loro familiari.

"La seconda Camminata – ha detto Annalisa Baglieri, psicologa del Centro - rappresenta un momento di grande coinvolgimento che ci permette in occasione della Giornata Mondiale dedicata alla diffusione delle conoscenze sulla malattia di Alzheimer, di sensibilizzare l’opinione pubblica, per combattere lo stigma che spesso la circonda".