Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:15 - Lettori online 953
RAGUSA - 17/09/2015
Attualità - Cambia la geografia siciliana

Liberi consorzi: ecco i nuovi assetti

L’istituzione dei Liberi Consorzi comporta anche l’elezione del presidente e dei quattro assessori della giunta Foto Corrierediragusa.it

Gela lascia Caltanissetta e va con Catania, Piazza Armerina e Niscemi sono pronte a fare lo steso passo e Licodia Eubea si "trasferisce" a Ragusa. Cambia la geografia siciliana con l´istituzione della nuova legge sui Liberi Consorzi che sostituiscono le vecchie province. Il consiglio comunale di Gela, il quarto comune più popolato della Sicilia con 100 mila abitanti, ha deciso con 25 voti su 29 di abbandonare il capoluogo nisseno con cui non c´è mai stato nè feeling nè interesse. Catania accoglie il comune gelese ed allarga la sua area metropolitana anche se il passaggio comporterà una fase burocratica delicata per il trasferimento delle competenze. Catania ingloberà anche Piazza Armerina e Niscemi che hanno atteso la decisione di Gela prima di fare questo passo. Anche Licodia Eubea ha deciso di aderire al Libero Consorzio di Ragusa che potrà così contare su 13 comuni. Licodia è il comune più limitrofo all´area iblea e collegato grazie alla 514 Ragusa-Catania. L´istituzione dei Liberi Consorzi comporta anche l´elezione del presidente e dei quattro assessori della giunta che dovrebbe avvenire entro il mese di novembre. Hanno titolo a votare i consiglieri comunali per un totale di 225 e 11 sindaci perchè Scicli è commissariato; il numero aumenterà quando Licodia formalizzerà l´adesione. Allo stato il candidato presidente deve avere una maggioranza di 119 consiglieri. La lista da cui attingere i quattro assessori dovrà essere composta da 12 candidati tra sindaci e consiglieri e ogni genere dovrà avere al massimo una rappresentanza dei 23. Nel territorio ibleo il Pd è il partito che conta il maggior numero di sindaci, Ispica, Comiso, S. Croce, Giarratana, Vittoria, e Pozzallo è Sel e non è un caso che la direzione provinciale si è cominciata a muovere per cercare di fissare dei criteri per l´elezione, per stabilire alleanze e sondare il terreno. La prima ipotesi di favorire sindaci di comuni minori come Giarratana e Monterosso è tramontata e il Pd pensa ad allargare la base del consenso a Udc e Sel. Da verificare l´atteggiamento del sindaco di Ragusa, M5S, e di Modica, a capo di liste civiche, che potrebbero spostare gli equilibri.

Sembra comunque scontato che il nuovo presidente del Libero consorzio di Ragusa sia a guida Pd con un equilibrio tra i partiti del centro sinistra spalmato tra i quattro assessori. I nomi che sono circolati più frequentemente sono quelli di Pierenzo Muraglie e di Filippo Spataro ma si tratta al momento solo di boatos perchè il Pd dovrà cercare di aggregare altre forze visto che può disporre di circa 80 voti sui 119 necessari per l´elezione.


CALTANISSETTA LIBERA
17/09/2015 | 14.10.16
aldo

Finalmente non avremo più presidenti gelesi a Caltanissetta.