Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 861
RAGUSA - 09/09/2015
Attualità - Il nostro territorio risparmiato dalla furia della natura

Negli Iblei piove molto meno che nel resto della Sicilia

Il peggio sembra essere passato Foto Corrierediragusa.it

Il tempo resta perturbato ma il peggio sembra essere passato. Sicuramente per la parte sud orientale dell´isola che è stata appena sfiorata dalla forte perturbazione che stanotte è arrivata sulle costa siciliana. L´attività elettrica, il vento e la forte pioggia si sono scaricate soprattutto a mare nel canale di Sicilia ed hanno poi proseguito con i loro effetti sulla costa ionica tanto da produrre allagamenti e danni tra Riposto, Giardini Naxos e Letojanni dove si sono registrati allagamenti e danni ingenti. Nell´area iblea la pioggia è stata intensa ma non torrenziale come si temeva. Il fenomeno temporalesco è stato contenuto almeno rispetto alle previsioni e i disagi sono stati molto limitati. I vigili del fuoco e le varie sedi comunali della Protezione civile hanno registrato infatti una normale attività e pochi sono stati gli interventi. L´allerta comunque permane, almeno fino al tardo pomeriggio, visto che le condizioni del tempo rimangono molto perturbate soprattutto lungo la fascia costiera. Il cielo promette ancora pioggia e sono previsti altri rovesci, seppur non di particolare intensità.

Le sedi della Protezioni civile restano comunque attive e i responsabili preferiscono restare cauti perchè la situazione potrebbe mutare e volgere al peggio. La cautela non è mai troppa in questi casi e il fatto che sia stato lanciato l´allarme rosso senza che si siano verificate emergenze particolari nel ragusano non deve fare allentare l´attenzione. Per quanto riguarda l´area iblea i responsabili della Protezione Civile parlano senza mezzi termini di "pericolo scampato" e la situazione viene monitorata ora dopo ora fino a quando tutto rientrerà nella normalità, presumibilmente entro il fine settimana.