Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 639
RAGUSA - 04/09/2015
Attualità - Fuori concorso con il film saggio "Zac- I fiori del male"

Un giovane ragusano al festival del cinema di Venezia

Si tratta di Massimo Denaro, 28 anni, allievo del Centro Sperimentale di Cinematografia di Abruzzo Foto Corrierediragusa.it

Si chiama "Zac- I fiori del male" il film saggio del giovane regista ragusano Massimo Denaro (foto). Il film è stato selezionato alla 72ma Mostra Internazionale d´Arte Cinematografica a Venezia. Massimo Denaro, 28 anni, allievo del Centro Sperimentale di Cinematografia di Abruzzo, con il suo film di diploma ha voluto ripercorrere la vita professionale, umana e artistica di Pino Zac, uno dei maggiori protagonisti della satira politica italiana, attivo tra gli anni 70 e 80 del secolo scorso. Attraverso le testimonianze di Valter Zarroli, Vauro, Riccardo Mannelli, Vincino, Jacopo Fo, Vincenzo Sparagna, Drahomira Biligova, il giovane reporter partendo da "Il Male" settimanale di satira politica di cui Pino Zac era direttore, racconta una delle esperienze più avvincenti e vitali della satira politica che continua ad influenzare i giorni nostri.

L´idea di raccontare Pino Zac nasce, come ha dichiarato Massimo Denaro, dalla scoperta della sua casa-studio situata a pochi chilometri dall´Aquila (località Fontecchio), che si è presentata agli occhi di Denaro come un laboratorio di ricerca e ispirazione.

Il film sarà presentato fuori concorso in anteprima l´8 settembre alle 21 nella nuova sezione "Il Cinema nel Giardino" presso il Lido di Venezia.
"L´intento -aggiunge l´autore- è quello di ricordare una personalità dimenticata da tempo in coincidenza con i trent´anni dalla sua scomparsa e con essi omaggiare una delle personalità più di spicco che l´Italia e anche l´Europa ha avuto in quegli anni". Questa importante passerella per il nostro conterraneo è certamente un momento importante. Un trampolino per nuovi progetti che ci auguriamo possa significare un´attività professionale e artistica prestigiosa.