Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1375
RAGUSA - 31/08/2015
Attualità - Molte perplessità e non solo

Legambiente boccia nuovo piano rifiuti

Il movimento ambientalista chiede quindi all’assemblea dei sindaci che la bozza di piano, così come presentata, non venga approvata Foto Corrierediragusa.it

Legambiente non è convinta ed anzi boccia il nuovo piano dei rifiuti che interessa il territorio ibleo. Il progetto è stato affidato dalla Srr Ragusa e prevede una discarica per il cui sito si ipotizza contrada Gianlupo. A questo proposito il M5S di Ispica è molto critico con il sindaco Muraglie perchè non ha dato ai cittadini alcun dettaglio su un intervento così delicato sul territorio e non ha ritenuto di coinvolgere la città. Ma nel frattempo anche il sindaco si è opposto con fermezza a questa eventualità. Il circolo "il Carrubo" di Legambiente ha intanto rilevato come l´incarico affidato dalla Srr Ragusa sia stato affidato con un ribasso
dell’85% senza avere verificato il perchè di un ribasso anomalo. Gli ambientalisti rilevano inoltre altre criticità perchè il pian non segue le indicazioni delle linee guida della regione Siciliana, non è un piano completo né definitivo e prevede un piano di investimenti sovradimensionato oltre ad una pianta organica ampliata.

Dice ancora Legambiente: "Inoltre un piano che vincolerà per anni il sistema dei rifiuti in provincia non può non coinvolgere, nei modi e con i tempi che l’Srr riterrà opportuni, le organizzazioni e le associazioni portatrici di interessi collettivi, così come previsto in diverse raccomandazioni dalla stessa Unione Europea. Legambiente Ragusa chiede quindi all’assemblea dei sindaci che la bozza di piano, così come presentata, non venga approvata e che venga affidata ai tecnici della SRR per una revisione radicale che risponda alle reali esigenze dei cittadini iblei ed elimini qualunque rischio di conflitto di interessi in fase di progettazione e gestione".