Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 829
RAGUSA - 28/08/2015
Attualità - I locali al lungomare Andrea Doria non sono accessibili

A Marina turisti in quantità ma i bagni restano chiusi

La denuncia del consigliere comunale Angelo Laporta che chiede di ricorrere alla graduatoria degli indigenti per affidare ad alcuni di loro la gestione del servizio Foto Corrierediragusa.it

Turisti in quantità a Marina ma bagni chiusi. I servizi al lungomare Andrea Doria (nella foto) sono infatti rimasti inaccessibili per tutto il mese suscitando le ire dei villeggianti e le proteste dei turisti. Angelo Laporta ha rilevato il disservizio mettendo l´amministrazione di fronte alle sue responsabilità: "Stiamo parlando di un servizio di prima necessità che nel cuore di Marina, lungo la spiaggia, potrebbe essere espletato benissimo in presenza dell’adeguato locale che ospita i gabinetti. E invece che cosa facciamo? Li teniamo chiusi. E perché mai? Perché questa Amministrazione comunale non è stata in grado di risolvere una questione semplice come la gestione del sito. C’erano state delle lamentele, quando la stagione aveva preso il via, per il fatto che l’utilizzo dei bagni veniva a costare un euro a persona. E ciò in maniera del tutto arbitraria, con decisione presa da chi, non si sa a quale titolo, si occupava di gestire il locale.

Dopo le varie segnalazioni, si è cambiato verso e, in assenza di soluzioni, si è preferito tenere chiusi i bagni pubblici. Ma è mai possibile agire in questo modo? E perché non utilizzare la graduatoria degli indigenti per affidare ad alcuni di loro la gestione del servizio? Un vero e proprio danno per i numerosi visitatori, villeggianti e residenti che hanno usufruito delle spiagge e delle zone più frequentate della frazione».