Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1553
RAGUSA - 30/07/2015
Attualità - Si è chiuso in meno di 24 ore il caso del trasferimento della base satellitare

Gli Usa puntano al Muos di Niscemi: "Noi restiamo"

"Abbiamo fiducia che il contenzioso sul processo di concessione dei permessi sia risolto al più presto" Foto Corrierediragusa.it

Il Muos non va in Tunisia e resta a Niscemi. Si è chiuso in meno di 24 ore il presunto caso del trasferimento della base satellitare americana di contrada Ulmo. La notizia è stata rilanciata dal quotidiano Al Arab, autorevole giornale panarabo pubblicato a Londra, che ha parlato per primo della possibile apertura di una base militare statunitense in Tunisia e precisamente a Haouaria grazie ad un accordo tra la presidenza della repubblica tunisina e le autorità americane. Haouaria si trova sulla stessa latitudine di Niscemi e Mohsen Marzouk, consulente politico del presidente Essebsi, avrebbe presentato alle autorità statunitensi persino un dossier con l´approvazione degli enti regionali e della popolazione.
Poi è arrivata la smentita ufficiale da parte della presidenza della Repubblica: "Il principio della Tunisia dopo l´indipendenza è quello di rifiutare l´installazione di basi straniere sul nostro territorio". La notizia è stata ripresa in Italia dal Corriere della Sera ma è arrivata subito anche la smentita dell´ambasciata Usa in Italia: "Con riferimento ad alcuni articoli di stampa apparsi di recente relativi all´installazione Muos di Niscemi, si precisa che il governo statunitense non intende trasferire altrove tale sito di comunicazione satellitare.

Data l´importanza del Muos per la sicurezza dei nostri paesi - si aggiunge - abbiamo fiducia che il contenzioso sul processo di concessione dei permessi sia risolto al più presto. Ci auguriamo che il Muos di Niscemi sia operativo tra qualche mese, al termine dei collaudi e del lancio del quarto satellite". Il movimento No Muos che ha seguito con attenzione e anche qualche speranza la vicenda ha dovuto prendere atto che nessun cambiamento di strategia è in atto. La base satellitare di contrada Ulmo resta e le autorità militari stanno accelerando al massimo perchè i tempi della sua operatività siano rispettati.