Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1348
RAGUSA - 22/07/2015
Attualità - Interviene Mario Chiavola di "Ragusa in movimento"

Quell´ascensore presente da ben 8 anni e mai utilizzato

La situazione viene definita "pirandelliana" Foto Corrierediragusa.it

E’ diventata davvero una impresa riuscire a comprendere perché nella centralissima via Roma, a due passi da un noto albergo, esiste ancora un ascensore, in vetro e metallo (foto), che avrebbe dovuto collegare la stessa via Roma con la parte inferiore, quindi via Natalelli. L’idea era buona. Però se escludiamo i primi mesi, l’ascensore non ha mai funzionato e i pretesti utilizzati sono stati i più disparati». La denuncia arriva dal presidente dell’associazione «Ragusa in Movimento», Mario Chiavola, a proposito del manufatto tecnologico che continua a fare bella mostra di sé senza che però sia mai stato utilizzato una volta negli ultimi otto anni. «E’ davvero incredibile – dice Chiavola – che, nella zona più suggestiva della città, ci si trovi di fronte a un armamentario del genere che, tra l’altro, in molti stanno utilizzando come spazio per sistemare le locandine. Ma davvero è così complicato, nel 2015, trovare qualcuno che ripari un ascensore? E se il gioco non dovesse valere la candela, non sarebbe più dignitoso rimuovere tutto e ripristinare lo status quo? Ovviamente, l’attuale Amministrazione comunale si è trovata a dover gestire questa situazione. Quella precedente non ha saputo cavare un ragno dal buco. E quella ancora prima ha cercato di metterlo in moto salvo poi disattivarlo quasi subito. E’ una situazione pirandelliana. Che i cittadini di Ragusa stanno subendo. Servono delle scelte e - conclude Chiavola - non si può più rimandare».


Ascensore e annessi
23/07/2015 | 8.50.41
Francesco

Tutto vero riguardo l’ascensore, esempio di come i soldi pubblici vengono buttati!
Ma perché, a proposito di soldi nostri, non parlare anche della grande lettiera per cani che si trova all’ingresso del suddetto ascensore sotto l’arcata del ponte?
Esempio di inutilità, sporcizia e degrado. Qualcuno può spiegare a cosa serve?
Eredità della precedente amministrazione e ignorata da quella attuale ha contribuito a peggiorare le cose in un quartiere assetato di parcheggi (ormai quasi tutti a pagamento). Una volta esistevano 10 posti auto sotto il ponte utili a residenti ed esercenti (questi ultimi ormai una specie in estinzione in quella zona) ed ora ci si ritrova a contemplare una distesa di pietrisco estesa circa 100/120 metri quadri punteggiata da escrementi dei nostri amici quadrupedi. Non era meglio com’era prima quando quel luogo aveva una pubblica utilità. Oggi costituisce vergogna e disgusto alla vista di chi passa, soprattutto straniero (che figura di…) in una città Unesco patrimonio dell’Umanità!