Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1312
RAGUSA - 18/07/2015
Attualità - L’ennesimo allarme di Legambiente

Ben 12 mila km quadrati di mare "perforati" da trivelle

Secondo un dossier, la produzione di greggio nel Canale di Sicilia, da Licata fino a Pozzallo, per l’anno 2014 è stata di poco superiore a 232 milioni di tonnellate Foto Corrierediragusa.it

Oltre 12 mila chilometri quadrati di mare nel Canale di Sicilia sono sotto scacco delle compagnie petrolifere. In tutt´Italia, a fronte di quantitativi irrisori di greggio, si stanno ipotecando circa 130 mila chilometri quadrati di aree marine. Solo nel basso e medio Adriatico, nel mar Ionio e nel Canale di Sicilia (le aree maggiormente interessate dia giacimenti petroliferi) sono infatti attivi 15 permessi di ricerca rilasciati (5.424 kmq), 44 richieste avanzate dalle compagnie per la ricerca (26.060 kmq) e 8 per la prospezione (97.275 kmq), oltre le 5 richieste di concessione per l´estrazione di petrolio (558,7 kmq)». Sono solo alcuni numeri del dossier "StopSeaDrilling - L´assalto delle trivelle nel canale di Sicilia", che Legambiente ha presentato con varie manifestazioni in diverse città isolane.
Legambiente, insieme a una vasta coalizione internazionale dei Paesi che si affacciano sull´Adriatico e lo Ionio, ha lanciato, l´iniziativa "#StopSeaDrilling" per chiedere al Governo di bloccare le nuove trivellazioni e alle regioni e alle comunità locali di fare fronte comune contro "questa miope scelta energetica".

Secondo il dossier, la produzione di greggio nel Canale di Sicilia, da Licata fino a Pozzallo, per l´anno 2014 è stata di poco superiore a 232 milioni di tonnellate, corrispondenti al 31% della produzione nazionale in
mare (che è stata nello stesso anno di 754 milioni di tonnellate), e pari solo al 4% della produzione totale nazionale (sia a terra che a mare).
Nel 2015, invece, la produzione raggiunta tra gennaio e aprile è stata di 77,5 milioni di tonnellate, inferiore rispetto ai quasi 81 milioni dello stesso periodo dell´anno precedente. In generale, le estrazioni di greggio nel mar di Sicilia hanno subito un graduale rallentamento negli ultimi 5 anni. Trend che sembra confermarsi anche nel 2015.