Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 849
RAGUSA - 18/07/2015
Attualità - Giovedì prossimo manifestazione regionale a Palermo

Protesta Anffas, per i disabili pochi soldi e spesi male

Nelle scuole insufficiente o tardiva assegnazione di insegnati di sostegno specializzati, mancanza o insufficienza nei servizi di trasporto scolastico e assistenza specialistica all’ autonomia e comunicazione Foto Corrierediragusa.it

Le 15 associazioni locali dell´Anffas sono deluse e amareggiate. La disabilità resta un problema in Sicilia e poco si fa da pare delle istituzioni nonostante le leggi esistano e prevedano tutta una serie di opportunità per i portatori di handicap come il diritto al lavoro per i disabili, l´assistenza, l´integrazione sociale, i servizi sociali diffusi.

Tante le domande che pongono le associazioni: "Dove vanno a finire i soldi spesi in Sicilia per le persone con disabilità e per i loro genitori e familiari? Come è stata gestita l’erogazione del Buono Socio Sanitario visto che nella quasi totalità del territorio isolano gli Enti Locali, nonostante le pressanti richieste dei cittadini aventi diritto, stentano ad erogare tale misura economica?"

C´è poi il capitolo riguardante gli alunni frequentanti le scuole siciliane dove vengono registrate carenza nei Piani educativi individuali, l´insufficiente o tardiva assegnazione di insegnati di sostegno specializzati, la mancanza o insufficienza nei servizi di trasporto scolastico e nell’ assistenza specialistica all’ autonomia e comunicazione.

L´Anffas ancora una volta è scesa in campo e chiede, tra le altre cose, un adeguato stanziamento di risorse economiche ed un tavolo regionale di allocazione verifica sulla loro utilizzazione e monitoraggio degli esiti in termini di concreto miglioramento della qualità di vita delle persone con disabilità e dei loro genitori e familiari e lo sblocco dei trasferimenti di natura finanziaria agli Enti Locali per l’erogazione dei servizi ai cittadini con monitoraggio della qualità ed efficacia delle spesa. Anffas Sicilia ha inoltre proclamato lo stato di agitazione di tutto il comparto della disabilità in Sicilia. Il primo evento si terrà a Palermo giovedì 30 attraverso una mobilitazione generale di tutte le persone con disabilità e le famiglie Anffas.