Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 526
RAGUSA - 17/07/2015
Attualità - E’ aria calda proveniente dal deserto algerino, fine settimana torrido

"Hot storm": tempesta di caldo record negli Iblei

Caltanissetta e Messina le città con le temperature più alte in Sicilia Foto Corrierediragusa.it

Temperature record nel weekend e cattive notizie anche per la prossima settimana: secondo i metereologi. La Sicilia (e in particolare il territorio ibleo)sarà tra le regioni più calde con picchi di 40 gradi soprattutto nelle zone interne. "Hot storm" (Tempesta calda), questo il nome dell´anticlone che proviene dall´entroterra algerino e porterà con sè afa che avrà pochi precedenti. L´afa aumenterà giorno dopo giorno e farà sì che le temperature percepite siano superiori di circa 4/6 gradi rispetto a quelle reali. Refrigerio solo per chi potrà godersi la spiaggia e il mare perchè il vento caldo sarà mitigato dalla temperatura del mare. La città più calda sarà Caltanissetta, seguita a ruota da Messina e Ragusa. Più fresca Palermo grazie alla brezza marina. Il picco è atteso per il fine settimana ma per avere un abbassamento delle temperature bisognerà attendere la fine del mese.

I CONSIGLI PER SOPPORTARE IL CALDO E USCIRNE INDENNI
Un aiuto validissimo per sopportare il caldo torrido viene dall’alimentazione, come spiega il Prof. Umberto Solimene, Presidente del Centro di Ricerche in Bioclimatologia Medica, Medicina Termale e Scienze del Benessere dell’Università degli Studi di Milano ed esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino: «La prima regola è idratarsi correttamente: a causa delle alte temperature e dell’afa, infatti, aumenta la sudorazione corporea, che ci fa perdere liquidi e sali minerali, preziosi per il nostro organismo. Dobbiamo reintegrare frequentemente questi indispensabili elementi per evitare di incorrere in un deficit idrico, bevendo acqua minerale non troppo fredda, evitando alcolici e facendo attenzione a limitare caffè e bevande zuccherine.»

I preziosi oligoelementi dell’acqua minerale svolgono dunque un ruolo importante nell’assicurare una protezione contro la disidratazione, un rischio che riguarda tutti, non solo le categorie di popolazione come bambini e anziani da sempre più esposte: «Se in questi giorni di caldo avvertite un particolare senso di spossatezza, crampi, tachicardia e senso di vertigine, il rischio di disidratazione potrebbe essere alle porte: un pericolo che può essere evitato con un gesto semplice e alla portata di tutti come portare sempre con sé una bottiglietta d’acqua», continua il Prof. Solimene. È importante ricordare, peraltro, che un livello non adeguato di idratazione influisce non solo sulle performance fisiche, ma anche cognitive: basta una diminuzione di acqua totale corporea corrispondente al 2% del peso per iniziare a risentire degli effetti negativi, come ridotte capacità cognitive, cefalea, difficoltà di concentrazione. Si può arrivare anche alla perdita di coscienza se lo squilibrio raggiunge il 7%.

Una buona regola sconosciuta ai più è che bisogna anticipare lo stimolo della sete che sorge spontaneo quando la perdita di acqua supera lo 0,5% ma che in realtà è già un segnale di stress idrico. Per farlo è necessario bere con costanza durante tutto l’arco della giornata. Una regola che vale per tutti, ma ancora di più nel caso di alcune categorie che sono considerate più a rischio in questo periodo. «In questi giorni di caldo torrido i bambini sono tra le categorie che devono bere di più – spiega il Prof. Solimene - dal momento che l’acqua ha un ruolo essenziale nello sviluppo del loro organismo. Per quanto riguarda invece gli anziani, sono una categoria che avverte meno lo stimolo della sete, tant’è che la disidratazione è uno dei principali problemi in cui incorrono soprattutto nei mesi estivi ».

Ulteriori consigli per difendersi al meglio dal caldo includono una dieta leggera, che privilegi cibi freschi e ricchi di acqua, come frutta e verdura, ed eviti invece pietanze elaborate e troppo piccanti. Necessario inoltre vestirsi in modo leggero ed evitare l’esposizione diretta al sole, specialmente nelle ore più calde. Con questi piccoli accorgimenti, e una bottiglietta d’acqua sempre con sé, saremo pronti ad affrontare qualsiasi caldo «infernale».