Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1321
RAGUSA - 16/07/2015
Attualità - La questione sollevate dai due consiglieri Pd Mario D’Asta e Mario Chiavola

Da annullare le multe elevate con lo Street control?

Si fa riferimento all’articolo 201 (comma 1 bis), del nuovo Codice della Strada con il quale si precisa che le violazioni al divieto di sosta possono dar luogo alla contestazione non immediata nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo. Interrogazione ad assessore e comandante dei Vigili Foto Corrierediragusa.it

Le multe comminate con lo Street control potrebbero essere annullate. Buone notizie per gli automobilisti che da qualche mese devono fare i conti con lo strumento messo in campo dalla polizia locale per combattere la sosta selvaggia e altre violazioni del codice della strada. Il caso è stato posto dai consiglieri Pd Mario Chiavola e Mario D’Asta, che hanno inoltrato una precisa interrogazione all’assessore al ramo citando l´articolo 201 (comma 1 bis), del nuovo codice della strada con il quale si precisa che le violazioni al divieto di sosta possono dar luogo alla contestazione non immediata nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo. «Osserviamo – scrivono i due consiglieri – che i sistemi di videosorveglianza, mentre possono essere idonei a dimostrare l’avvenuta violazione, non risultano tuttavia idonei a dimostrare l’assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo, circostanza che può essere accertata solo dall´intervento diretto degli organi di polizia e pertanto non risulterebbe giustificata la contestazione non immediata». Una nota, inoltre, del ministero dei trasporti, fa rilevare che «Le violazioni al divieto di sosta possono dar luogo alla contestazione non immediata nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo.

Il verbale può, cioè – spiegano D’Asta e Chiavola – essere inviato a casa del proprietario del mezzo se, al momento dell´accertamento, non c´è il trasgressore (contestazione differita dell´infrazione). Se invece il guidatore c´è, allora la contestazione è immediata ed il verbale – concludono – viene consegnato subito nelle mani dell´automobilista». Dunque per D’Asta e Chiavola lo Street control dimostra l´infrazione per sosta in doppia fila, ma non l’assenza del trasgressore, che può essere accertata solo dai vigili e la contestazione non immediata (differita, con multa a casa) non è giustificata, non è valida se il vigile non ha individuato immediatamente il trasgressore. Tutto questo perché non basterebbe neppure la foto che l’operatore dello Street control esegue anche al posto guida vuoto.