Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 730
RAGUSA - 15/07/2015
Attualità - Le verifiche saranno effettuate entro settembre per la fattibilità del progetto

Il sottopasso carrabile in via Paestum è la soluzione

A mediare i lavori il prefetto Vardè Foto Corrierediragusa.it

Potrebbe essere la realizzazione di un sottopassaggio carrabile la soluzione viaria alternativa alla chiusura del passaggio a livello di via Paestum (foto), salvaguardando la sicurezza pubblica nell’obiettivo perseguito da Rete ferroviaria italiana, senza stravolgere la viabilità di Ragusa, come auspicato dall’amministrazione comunale. E’ quanto emerso dal vertice svoltosi ieri in prefettura tra il sindaco Federico Piccitto e il direttore regionale di Rfi Andrea Cucinotta, con la mediazione del prefetto Annunziato Vardè. La soluzione del sottopasso, che non costerà di certo poco, sarà vagliata dal punto di vista della fattibilità tecnica entro settembre. Quindi il famoso passaggio a livello non chiuderà per questa estate. La verifica, con la collaborazione tecnica ed economica della Rete ferroviaria italiana, è propedeutica alla realizzazione del sottopasso carrabile di dimensioni compatibili con le esigenze del contesto urbano di riferimento ed in raccordo con la viabilità esistente, che, oltre a salvaguardare le ragioni di sicurezza della sede ferroviaria, persegua l’obiettivo di mitigare il disagio per i residenti, garantendo nel contempo condizioni di piena fruibilità per la circolazione stradale. Al vertice era tra gli altri presente anche l’esponente del comitato «No Muro» Sergio Firrincieli che da anni segue la vicenda e che si è dichiarato più che soddisfatto dell´esito dell´incontro.

Insomma, il sottopassaggio carrabile costituisce al momento l’unica soluzione realizzabile per la viabilità locale che possa da un lato evitare l’attraversamento dei binari, e dall’altro scongiurare ostacoli non sopportabili per gli spostamenti veicolari e pedonali in una zona altamente urbanizzata. La verifica tecnica che sarà effettuata dopo le classiche ferie estive scioglierà dunque tutti i nodi relativi alle modalità e alla tempistica della realizzazione del sottopasso.